Troppi selfie con i fan: preso a pugni il campione del mondo di atletica

Un ubriaco ha aggredito Pierre-Ambroise Bosse il campione del mondo degli 800 metri. "Ho perso conoscenza al primo pugno, non ricordo nulla", ha detto il francese

Troppi selfie con i fan: preso a pugni il campione del mondo di atletica
Redazione Tiscali

Diventare campione mondiale di atletica è diventata una maledizione per Pierre-Ambroise Bosse. La popolarità improvvisa e inattesaha trasformato in un incubo una tranquilla serata che campione del mondo degli 800 metri stava trascorrendo vicino a casa dei suoi genitori. Il 31 agosto un uomo in preda ai fumi dell'alcol ha preso a pugni il campione francese.

Prima i selfie con i fan poi il pestaggio

Il motivo? Era irritato dal fatto che Bosse avesse fatto numerosi selfie con i suoi fan in un bar. Bosse ha pubblicato sui social la foto del viso deformato dal pugno e ha espresso il desiderio di poter riprendere la regolare attività sportiva tra un mese. "Ho perso conoscenza al primo pugno, non ricordo nulla. Ora non posso mangiare sul lato sinistro, devo stare parecchio a casa", ha detto il mezzofondista francese.

"Sono andato alla macchina ed ho sentito un colpo, poi sono svenuto" 

"L’aggressore comunque è stato preso, ha ammesso tutto - ha raccontato alla stampa Bosse -, ci siamo confrontati in commissariato, si è scusato, ha detto che era fuori di sé. Probabilmente è un tizio che ha l'ubriacatura violenta… E' vero che mi riconoscevano tutti e tutti volevano un selfie. E’ così che è nata l’aggressione fuori dal bar. Pareva che ci fosse una rock star, una cosa pazzesca. Dopo aver fatto i selfie con tutti, sono andato alla macchina ed ho sentito un colpo, poi sono svenuto".