May: "Bisogna avere il coraggio di cambiare"

May: 'Bisogna avere il coraggio di cambiare'
di Sportal.it


Fiona May, campionessa del mondo di salto in lungo a Goteborg nel 1995 ed a Edmonton nel 2001, nonché vincitrice di due medaglie d'argento olimpiche ad Atlanta e Sidney ha espresso tutto il suo disappunto per la disastrosa prestazione degli azzurri ai recenti mondiali di Pechino: "Il risultato dell'Italia non mi stupisce, perché dieci anni fa quando ho smesso di competere, parlai con la Federazione, e dissi loro di continuare ad investire, di andare oltre. Non è successo". 

 

La May prosegue poi la sua analisi: "Avevo avvertito che ci sarebbero state altre federazioni che avrebbero superano l'Italia. Nel medagliere di Pechino basta vedere cosa ha fatto il Kenya, che nessuno credeva cosi forte, e che invece ha fatto bene non solo nel mezzofondo, ma in specialità tecniche come i 400 ostacoli. Sono delusa e amareggiata, adesso bisogna davvero cambiare tutto. L'atletica è il mio sport, è la regina tra gli sport, ma in Italia non sta dando l'immagine della regina, ha perso il suo trono. Mi dispiace molto per questo. Ora è facile puntare il dito contro tutti ma ognuno deve prendersi le proprie responsabilità. Bisogna avere il coraggio di cambiare".