Nba, è finale di conference per i Celtics

Nba, è finale di conference per i Celtics
©Getty Images
di Sportal.it

E’ nelle gare sette che si scrive la storia di questo gioco, vedendo le stelle salire di livello quando più conta in nome di 48 minuti di fuoco.

A Boston si è giocata gara 7 per staccare il biglietto, con dubbio privilegio, e raggiungere LeBron James in finale.



Boston Celtics-Washington Wizards 115-105 (serie 4-3)

Dopo la vittoria sul filo di lana in gara 6 i Wizards, arrivano a Boston convinti delle loro possibilità e giocano un’ottima partita, rimanendo sempre a contatto, mettendo la testa avanti in alcuni frangenti e sfruttando un Bradley Beal d’annata che chiude con 38 solidissimi punti.

Anche i Celtics però tra le mura amiche non mollano un colpo e prima Thomas e poi Olynyk sferrano fendenti pesanti. Brooks prova a braccare senza mezzi termini IT, ma il piccolo grande uomo dimostra una superba intelligenza coinvolgendo nel giusto modo i compagni e regalando ben 12 assits oltre ai 29 punti d’ordinanza.

“Ho lavorato troppo nella mia carriera per spaventarmi in una gara 7” aveva detto Thomas nel giorno precedente alla partita ed effettivamente non si è scomposto assolutamente a causa della pressione e della tattica costrittiva architettata su di lui.

Una grandissima mano l’ha trovata dal classico outsider, infatti Kelly Olynyk ha sparigliato le carte in tavola chiudendo con 26 punti, 14 dei quali nel quarto periodo, compresa la tripla che ha di fatto chiuso i giochi nel finale. Il suo 10-14 dal campo è stato provvidenziale per la truppa di Stevens che ha limitato la furia di un Bradley Beal inarrestabile e la consistenza di Otto Porter e Markieff Morris. Giornata dispari al tiro per John Wall che però produce comunque un’ottima prestazione flirtando con la tripla doppia, ma il fattore Garden è decisivo e i biancoverdi raggiungono LeBron James chiudendo il quartetto delle top 4 di regular season che approdano alle finali di conference.



In collaborazione con basketissimo.com