Hatcher è in giornata, la Dinamo batte Pistoia e torna a sperare nei playoff scudetto

Finisce 69-80 per i biancoblu. Protagonista del successo è ilplay americano autore di 11 punti nel terzo quarto con tre bombe decisive

Hatcher è in giornata, la Dinamo batte Pistoia e torna a sperare nei playoff scudetto
di Stefano Loffredo

La Dinamo stavolta non fallisce batte Pistoia per 69-80 e torna a vedere i playoff scudetto.  Dopo un avvio di energia dei padroni di casa, che scappano fino a +12, gli uomini di coach Zare Markovski piazzano un break nella terza frazione e invertono l’inerzia del match mettendo la testa avanti. Protagonista della rimonta biancoblu è un super William Hatcher, autore di 11 punti nel terzo quarto con tre bombe di importanza capitale: la squadra trova energia e cinismo e negli ultimi dieci minuti tiene la testa avanti. 

Coach Markovski manda in campo Bostic, Bamforth, Jones, Stipcevic e Polonara, coach Esposito risponde con Laquintana, Mian, Gaspardo, Moore e Ivanov. I padroni di casa partono forte piazzando un break con Dejan Ivanov di 7-2: a rompere il ghiaccio per gli isolani è Bamforth.  Botta e risposta dall’arco tra Bostic e Ivanov, il duello di ripete tra Mian e Bamforth. Pistoia vola fino a +12 con Magro, Hatcher negli ultimi possessi accorcia (28-19).

Polonara e Tavernari aprono le danze nella seconda frazione: il giocatore brasiliano infila la bomba del -4. Ma Pistoia risponde con un break di 10-2 con Gaspardo, McGee, Moore e Magro. Bamforth ferma l’emorragia: in chiusura di primo tempo i sassaresi firmano un parziale di 7 lunghezze che li riporta in partita. Mian dalla lunetta chiude il secondo quarto 40-32.

Al rientro dall’intervallo lungo la Dinamo Banco di Sardegna alza la testa e trova in William Hatcher punti e leadership per invertire l’inerzia del match. I biancoblu entrano in campo con il fuoco negli occhi e bombardano con Bostic e Polonara. Hatcher suona la carica ai suoi: Jones e Bostic siglano il -1, poi l’ex Partizan prende per mano la squadra e, con un parziale di 11 punti di tre bombe e un canestro dalla media, firma sorpasso e scrive il +8. Il canestro and one di Gaspardo chiude la terza frazione 56-61.

È un super Polonara, determinante su ambo i lati del campo, ad aprire l’ultimo quarto: l’alleyoop tra Bamforth e Jones fotografa l’energia e la voglia di riscatto degli isolani. La bomba di Polonair sigla il +12. Gaspardo, Laquintana e Moore accorciano, i giganti rispondono con Bostic dalla lunga distanza e Bamforth in lunetta. La quinta infrazione condanna Polonara alla panchina, Gaspardo accorcia per i suoi. Planinic e Bostic infilano i liberi che mettono in cassaforte la vittoria: la Dinamo torna a sorridere ed espugna il PalaCarrara. Il match finisce 69-80.

Sala stampa. Coach Zare Markovski commenta a caldo la vittoria dei suoi, la prima sulla panchina biancoblu: “Sono contento della risposta dei miei dopo una settimana di ottimo lavoro in ritiro. All’inizio abbiamo patito una Pistoia molto concentrata e i problemi di falli dei lunghi ci hanno un po’ distratto. Nel secondo tempo siamo riusciti a difendere meglio riducendo le percentuali al tiro di Pistoia. Aumentare l’intensità difensiva è stato determinante e ci ha permesso di cambiare l’inerzia del match, in attacco abbiamo trovato punti importantissimi da Hatcher, quei suoi canestri sono stati decisivi. Siamo poi stati bravi a tenere i nervi saldi e portare a casa la partita”.

Pistoia Basket 69 - Dinamo Banco di Sardegna 80 Parziali: 28-19; 12-13; 16-29: 13-19. Progressivi: 28-19; 40-32; 56-61; 69-80.

Pistoia. Della Rosa 4, McGee 10, Barbon, Mian 10, Gaspardo 13, Onuoha, Querci, Bond, Magro 5, Moore 12, Ivanov 9. All. Vincenzo Esposito.

Banco di Sardegna. Spissu, Bostic 16,  Bamforth 14, Planinic 4, Devecchi, Pierre, Jones 7, Stipcevic 3, Hatcher 20, Polonara 13, Picarelli, Tavernari 3. All. Zare Markovski