Playoff di A2: Ravenna raddoppia, la Virtus si rialza

Playoff di A2: Ravenna raddoppia, la Virtus si rialza
©Simone Lucarelli
di Sportal.it

Di Enrico Campana



Le V nere riscattano la sconfitta di gara1 dei quarti dei playoff con una gara rabbiosa e bastano i due parziali nel 1° e 3° quarto  conclusi con 17 punti avanti per liquidare la pratica con  Roseto che aveva provato a tornare in gara nel secondo quarto con un 15/24 prima  di essere spazzata via.   Il migliore è stato  Kenny Lawson,  l'albanese Ndoja ha piazzato 4 triple, Spissu  molto attivo come il solito e Stefano Gentile è stato il cambio che ha dato una marcia in più ai bolognesi e  si è reso applausi dal suo nuovo pubblico con 5 triple su 7.   Amoroso per i rosetani è uscito a testa alta (18 punti) in una gara  con 20 palle perse e una differenza di -53 nella valutazione che  costituisce una polizza di fiducia per gara3 nel fortino di Roseto  dove non è facile vincere.



Dopo la favolosa rimonta da 0/2 a 3-2 con cui ha eliminato negli ottavi  Biella, una della favorite per la promozione in A e dominatrice del girone Ovest  Verona non si è ripetuta finendo nella trappola di Ravenna, squadra compatta, combattiva, con un ottimo coach che va sul 2/0 ed è la prima ad avere due match ball per raggiungere le semifinali. Platonico vantaggio (+1) nella valutazione per la Tezenis  che non ha sfruttato la miglior panchina (25-14, con 10 punti di Andrea Amato, a inizio stagione nel roster dell'Armani)  con Portannese (5 punti) lontano dalla verve degli ottavi con Biella mentre Totè mvp dell'All Star europeo giovanile, è alla prese con un difficile tirocinio. La squadra di Delmonte riuscirà a capovolgere nuovamente la situazione, dopo aver perso un'occasione favorevole, una sconfitta di 1 punto fa ancora più male   per il 10/18 dalla lunetta con l'americano Dwane Robinson arrivato a stento al 50 per cento (4/8).



Stasera la serie di gara2 si conclude con Treviso e Omegna  decise a riscattare le sconfitte casalinghe con la Fortitudo Bologna e Trieste, gara delicata soprattutto per l'ambiziosa trevigiana che fatto tornare l'entusiasmo dei tempi della Benetton con un pubblico-record e il miglior U20 azzurro, Davide Moretti, protagonista di gara1 con 22 punti e 15/17 tiri liberi.



Per i playout Chieti ha rimontato la sconfitta casalinga con Forlì che adesso cha due gare in casa per rimanere in A e fare onore alla storia importante del basket  forlivese.



In serie B  hanno replicato Bergamo, Omegna e Montegranaro che si giocano in trasferta il match ball per arrivare alla finale dei rispettivi gironi sperando di raggiungere le Final4 di Montecatini (10-11 giugno)  tappa finale della lunga maratona co 3 posti per la A2. Napoli e Bisceglie hanno recuperato il passo falso di gara1 ma le due laziali Cassino e Palestrina hanno due gare casalinghe.  La piccola Campli che aveva sfiorato la vittoria in gara1 ce l'ha fatta al secondo tentativo a Pozzo di Gotto e  la vittoria  cambia le prospettive degli abruzzesi.



Cento ha vinto di 30 a Palaruffini di Torino con l'Allmag Moncalieri squadra-laboratorio vincitore dello scudetto U20. Arrabiatissim coach Lorenzo Pansa: “Abbiamo giocato per la prima volta in stagione una partita presuntuosa e di questo mi assumo la completa responsabilità. Loro sono più grossi, più forti e meglio allenati di noi; questo deve essere chiaro nelle nostre teste. Se giochiamo convinti di essere più forti abbiamo perso in partenza, se invece siamo consapevoli dei nostri limiti e ci mettiamo a competere come sappiamo, senza arroganza, allora abbiamo una possibilità. Non siamo abituati a fare figure di questo tipo; sono sicuro che non ricapiterà”



Solamente 90 punti a Montegranaro, punteggio da basket anni trenta, 46-44 .I marchigiani hanno vinto col 31% (12/31) nel tiro da 2 e col 20% da3 (4/20), Pescara si è fermata  al 22% (9/27) e al 19%  (6/32) puntando tutte sulle triple anche se il gioco non è riuscito e finendo con soli 5 assist in una gara con 36 palle perse. Che sono più del totale dei canestri, 31, con 16 per la Extralarge e 15 per l'Amatori.



SERIE A2 QUARTI DI FINALE PLAYOFF SERIE A2



Virtus Segrafredo BOLOGNA-Visitroseto.it Roseto 93-66 (1/1; 30-13, 15-24; 28-11, 20-18; 21 K.Lawson 8/10 9r Val23, 18 K.Ndoja 4/7 da, 17 Ste.Gentile 5/7 da 3a; 19 V.Amoroso 3/4 4/8 da Val18, 18 AT Smith 4/11 1/5 da3 tl7/7). R-A: 30-26, 29-15. Pe:11/20. Val. 118/65, +53. Panchina: 29-7.



OraSì RAVENNA-Tezenis Verona 64-63 (2/0; 14-18, 18-22; 20-11, 12-12; 15 G.Sabatini 6/9 1/5 da3 3r 2a Val14; 12 D.Robinson 4/7 0/2 da3 tl4/8 7r). R-A 36-11, 33-10. Pe: 16-15. Val. 59/70 -11. Panchina 14-25



PROGRAMMA -  Gara 2, 17 maggio: De Longhi-Kontatto Bologna (0/1; Treviso ore 20.30); Orsi Tortona-Alma Trieste (0/1; Tortona ore 21). Gara3, 19 maggio: Visitroseto.it-Virtus Segafredo  (ore 21); Tezenis Verona-OraSì Ravenna (ore 20.45)



SERIE A2 PLAYOUT (2° Turno, Gara2)



Proger CHIETI-Unieuro Forlì 82-77 (1/1)



SERIE B SEMIFINALI PLAYOFF



TABELLONE A



Allmag Moncalieri-Baltur CENTO 52-82 (1/1; G3 Venerdì 19 Cento, ore 21)



Co.Mark BERGAMO-Gimar Lecco 68-61 (2/0; G3 Venerdì 19 Lecco, ore 21)



TABELLONE B



Paffoni OMEGNA-Bakery Piacenza 64-53 (2/0; G3 Venerdì 19 Piacenza, ore 20.30)



Agribertocchi ORZINUOVI-All Foods Firenze 82-70 (2/0; G3 Venerdì 19,ore 21)



TABELLONE C



Generazione Vincente Cuore NAPOLI-BCP Virtus Cassino 85-78 (1/1; G3 Venerdì 19 Cassino, ore 20.45)



Lions BISCEGLIE-Citysightseeing Palestrina 72-61 (1/1; G3 Venerdì 19 Palestrina, ore 20.30)



TABELLONE D



XL Extralight MONTEGRANARO-Amatori Pescara 46-44 (2/0; G3 Venerdì 19 Pescara, ore 21)



Basket Barcellona-Globo CAMPLI 57-63 (1/1; G3 Venerdì 19 Campli ore 21)



Coach Lorenzo Pansa: "Abbiamo giocato per la prima volta in stagione una partita presuntuosa e di questo mi assumo la completa responsabilità. Loro sono più grossi, più forti e meglio allenati di noi; questo deve essere chiaro nelle nostre teste. Se giochiamo convinti di essere più forti abbiamo perso in partenza, se invece siamo consapevoli dei nostri limiti e ci mettiamo a competere come sappiamo, senza arroganza, allora abbiamo una possibilità. Detto questo non siamo abituati a fare figure di questo tipo; sono sicuro che non ricapiterà".