Benetton: conferme per Tebaldi e McKinley

Benetton: conferme per Tebaldi e McKinley
©Getty Images
di Sportal.it

Dopo le conferme di Giorgio Bronzini e Nicola Quaglio annunciate nelle scorse settimane, il Benetton Rugby ha annunciato quelle di Tito Tebaldi ed Ian McKinley, protagonisti della linea mediana al loro primo anno in biancoverde.



Tebaldi, mediano di mischia classe 1987 è cresciuto nelle file del Noceto Rugby, squadra in cui ha avuto modo di mettersi in luce. Nel 2006 è passato al Gran Ducato Parma, facendo il suo esordio giovanissimo in Super 10 e in Challenge Cup. Nella stagione 2008-09 è finito sotto osservazione dell’allora C.T. della Nazionale Maggiore Nick Mallett, che lo ha inserito nella lista dei convocati del tour estivo del 2009 e proprio in quell’occasione ha fatto il suo esordio nel test inaugurale contro l’Australia.



Con la maglia azzurra ha partecipato prima ai Cariparma Test Match del 2009, in cui un suo drop è stato determinante nella partita vinta contro Samoa, e successivamente al Sei Nazioni 2010. In quell’estate si trasferisce agli Aironi in Celtic League con i quali ha giocato due stagioni prima di passare alle Zebre per una sola stagione.



Infine nella stagione 2013/2014 la sua esperienza celtica è proseguita nella franchigia gallese degli Ospreys prima di trasferirsi a Londra agli Harlequins Rugby in Premiership. Arrivato a Treviso questa stagione, Tito ad oggi ha indossato la maglia biancoverde 17 volte nelle quali ha dimostrato di essere un giocatore esperto, dalle ottime abilità tecniche e dotato inoltre da un buona precisione al piede.



"Sono molto soddisfatto dello spazio che quest’anno, nonostante l’elevata concorrenza nel mio ruolo, sono riuscito a ritagliarmi in squadra; sicuramente avrei sperato in qualche risultato migliore a livello collettivo. Voglio finire bene questa stagione e non vedo l’ora di ricominciarne una nuova, ripartendo da quanto di buono fatto ed essendo consapevoli di avere dalla nostra parte l’esperienza di aver giocato un anno insieme utile per affinare la nostra intesa in campo", ha detto Tebaldi.