Celtics primi, Heat fuori

©Getty Images
di Sportal.it

Il tabellone playoffs:



Eastern Conference

(1) Boston Celtics - (8) Chicago Bulls

(4) Washington Wizards - (5) Atlanta Hawks

(3) Toronto Raptors – (6) Milwaukee Bucks

(2) Cleveland Cavaliers – (7) Indiana Pacers



Western Conference

(1) Golden State Warriors - (8) Portland Trail Blazers

(4)Los Angeles Clippers - (5) Utah Jazz

(3) Houston Rockets – (6) Oklahoma City Thunder

(2) San Antonio Spurs – (7) Memphis Grizzlies



E’ arrivato il momento di fare sul serio.

Con le partite della notte si chiude ufficialmente la Regular Season NBA e solo sedici squadre proseguono la loro stagione.

C’era un terzetto che doveva decidere il proprio destino e una di queste sarebbe rimasta fuori.

Il tie breaker per settimo e ottavo posto a est ha lasciato fuori i Miami Heat di coach Spoelstra che nonostante i playoffs mancati per pochissimo hanno giocato una stagione incredibile.

La vittoria per 110-102 sui Washington Wizards non è bastata agli Heat, perché le concomitanti vittorie degli Indiana Pacers contro gli Atlanta Hawks e dei Chicago Bulls contro i Brooklyn Nets hanno deciso il settimo posto per George e compagni e l’ottavo per i Bulls di Butler che dovranno vedersela rispettivamente con le prime due teste di serie dell’Est.

La numero uno è finita nelle mani dei Boston Celtics che hanno vinto anche l’ultima partita di regular season contro i Milwaukee Bucks assicurandosi un insperato vantaggio del fattore campo durante tutti i playoffs della conference.

I Cleveland Cavaliers cedono lo scettro, ma soprattutto terminano a stagione con lo stesso record dei Toronto Raptors. I canadesi battono proprio i Cavs nell’ultima partita e li agganciano al secondo posto, rimanendo però dietro per tie breaker.



A ovest era quasi tutto deciso e l’unico poso in biilico era il quarto. Jazz e Clippers sapevano già di dover condividere il primo turno, ma l’ultima partita avrebbe dovuto sancire se si fosse partiti da Los Angeles o da Salt Lake City.

Con il tie breaker positivo i Clippers erano artefici del proprio destino e la facile vittoria contro i Sacramento Kings ha dato la certezza a Paul e compagni del quarto posto in griglia. A nulla quindi è servita la vittoria interna di Gobert e a sua truppa contro gli Spurs.

La serie tra quattro e cinque partirà quindi da Los Angeles.

Nel’ultima partita interna dei Thunder, a omaggiare Russell Westbrook c’è nientemeno che Oscar Robertson che nell’intervallo grida al pubblico di OKC: “MVP- MVP” al numero #0.



Risultati:

Nuggets@Thunder 111-105

Sixers@Knicks 113-114

Bucks@Celtics 94-112

Hawks@Pacers 86-104

Mavericks@Grizzlies 100-93

Nets@Bulls 73-112

Pistons@Magic 109-113

Raptors@Cavaliers 98-83

Timberwolves@Rockets 118-123

Wizards@Heat 102-110

Spurs@Jazz 97-101

Kings@Clippers 95-115

Lakers@Warriors 94-109

Pelicans@Blazers 103-100



In collaborazione con basketissimo.com