Michael Jordan attacca i "superteam"

Michael Jordan attacca i 'superteam'
©Getty Images
di Sportal.it

Si avvicina a grandi passi l’inizio della stagione NBA e si stanno giocando le ultime partite di precampionato. Solo due ne sono state disputate nel corso della notte, con le vittorie di Dallas e Clippers. I texani hanno dominato sul campo di Atlanta (108-94) sin dal primo periodo, pur lasciando molti giocatori di primo piano (Nowitzki su tutti) a riposo. Il migliore in campo è stato Gian Clavell, un 23enne portoricano uscito da Colorado State, che ha chiuso con 19 punti (7/12 dal campo), 5 rimbalzi e 5 assist, seguito dai 16 punti di Maximilian Kleber. Tra i padroni di casa è rimasto fuori Marco Belinelli e non sono bastati i 20 di Kent Bazemore.



Non c’è stato spazio nemmeno per l’altro azzurro, Danilo Gallinari, lasciato a riposo da coach Rivers nel successo dei californiani sui Sacramento Kings (104-87), in una partita risolta però solamente nel corso del quarto periodo. Ci sono stati 18 punti per Blake Griffin e la doppia doppia di DeAndre Jordan, con 13 punti e 14 rimbalzi. Un altro Jordan, il ben più famoso Michael, invece ha detto la sua sui superteam: “Stiamo andando incontro ad una situazione nella quale due franchigie sono colme di talento – le sue parole a Sports Illustrated - mentre le altre 28 sono da buttare nell’immondizia. Ci aspettano tempi duri per resistere a questo nuovo ambiente che si sta creando”. Una bella picconata a tutto il mondo NBA.



In collaborazione con basketissimo.com