Senza Gallinari, Denver rischia i playoff

Senza Gallinari, Denver rischia i playoff
©Getty Images
di Sportal.it

Senza tre titolari, Gallinari (influenza), Jokic e Faried (mal di schiena) Denver va sotto di 24 in casa con Washington, una delle squadre più in forma, arrivata alle spalle di Cleveland e Boston, poi recupera ma non abbastanza con 26 punti di Gary Harris e 19 di Mason Plumlee colpito alle parti basse dal rissoso Markieff Morris espulso per doppio flagrant fouls a 2 minuti dalla fine.  Dal 29 gennaio dopo le tre vittorie consecutive con quella di Phoenix (32 punti di Gallinari), Denver ha fatto un psso avanti e due indietro e vinto 8 volte e perso 11 partite. Quando mancano 18 partite (venerdì ospitano i Celtics) il loro 8° posto (29/35) non è più in cassaforte avendo ormai il fiato sul collo di Portland (27/35) e Dallas (27-36), solo una settimana fa ESPN dava i Nuggets sicuri dei playff all'80 per cento, ma il veto è cambiato.



La follia di marzo, in attesa delle finali NCAA, anche quest'anno è il flop casalingo dei Warriors contro i Celtics. E' la terza sconfitte nelle ultime 5  per la miglior squadra della stagioe e a sorpresa il peggior punteggio della giornata, 86 punti, determinato da un bruttissimo 6/30 nel tiro da 3 (20 per cento) con 2/8 di Thompson, 2/9 d Curry, 1/5 di Draymond Green (6/15 totale), 0/3 di McCaw e Matt Barnes preso per mettere una pezza all'assenza di Kevin Durant che si fa sentire.



Hanno vinto in trasferta i Bulls a Orlando, i Raptors con 25 punti e 10 rimbalzi del lituano Valanciunas a New Orleans che non riesce più a vincere dopo l'All Star Game e l'ingaggio di DeMarcus Cousins, degli Jazz a Houston, e di Washington a Denver e dei Celtics che come l'anno passato con la nota difesa d'urto  hanno saputo individuare il nervo scoperto dei Warriors andati a fondo nel quarto tempo con uno 0/15 che ha portato il gelo fra il pubblico.  Continua la scalata di Miami  che con una doppia-doppia pesante di Goran Dragic (22 pnti, 10 assist, 16 rimbalzi) ha domato Charlotte (33 di Kemba Walker, 8 di Belnelli  2/8, 1/3 da3 3/3 tl 2 a  in 27 minuti). Con le ultime 3 vittorie la squadra dell Florida è 31/34, ormai a una corta incollatura da Chicago (31/33 8° posto)  e con un leggero vantaggio su Milwaukee (30/33.) alla sua quarta vittoria per l'effetto Antetokunmpo. Davanti Cleveland (42/20)  avvicinata da Boston (41/24) e Washington (39/24)  che a Denver ha vinto con 30 punti e 10 assist di John Wall e 23 punti di Bradley Bill e i canestri del croato Bogdanovic acquisto di mercato azzeccatissimo.



RISULTATI- Orlando-CHICAGO 98-91 (22 E.Payton 14r 14a; 21 J.Butler); ATLANTA-Brooklyn 110-105 (31 D.Schroder 27 S.Lilpatrick); MIAMI-Charlotte 108-101 (22 G.Dragic 6r 10a, 10 H.Whiteside 15r; 33 K.Walker, 8 M.Belinelli 2/7 1/3 da3 tl3/3 2a 1re, 27'); MILWAUKEE-New York 104-93 (32 G.Antetkounmo 13r 7a; 26 D.Rose); New Orleans-TORONTO 87-94 ( 25 D.Cunsins 10r; 25 J.Valanciunas 13r); Houston-UTAH 108-115 ( 35 J.Harden 4r 6a; 25 G.Hayward 7r); MINNESOTA-LA Clippers 107-91 (29 KA Towns 14r; 20 DA Jordan 13r); INDIANA-Detroit 115-98 (21 PGeorge 8r, 14 ADrummnd 15r); SAN ANTONIO-Sacramento 114-104 (17 P.Mills 10a; 26 T.Evans); Denver-WASHINGTON 113-123 (26 G.Harris; 30 J.Wall 10a); Golden State-BOSTON 86-98 (23 S.Curry  2/9 da3 5r 6a, 25 K.Thompson 2/8 da 3; 25 I.Thomas 4/10 da3, 17 K,.Olynyx 5r 5a).



A cura di Enrico Campana