Thomas firma e tranquillizza i Cavs

Thomas firma e tranquillizza i Cavs
©Getty Images
di Sportal.it

Ormai siamo agli sgoccioli e mancano circa due giorni prima che la telenovela tra Cavaliers e Celtics arrivi alla fine.

C’è tempo fino a giovedì per ratificare la trade con tutti i test fisici sui giocatori coinvolti, dopo di che tutto sarà ufficiale.



Sono arrivate nella notte le prime parole degli interessati e Isaiah Thomas ha mostrato una certa insofferenza riguardo a tutte le voci circolate in questi giorni.

“Sto bene, guarirò e tornerò quello di prima” dice l’ex Celtics, che vuole chiudere definitivamente la questione riguardo al suo stato di salute.

“Nessun dottore mi ha mai detto che non sarei tornato esattamente quello di prima –dice- e per questo non vedo perché ci debbano essere dei problemi. L’operazione in questo caso non era la scelta migliore da fare per il mio recupero e quindi si è optato per qualcosa di più conservativo che però non cambierà il risultato della terapia e restituirà il solito Thomas”.

L’infortunio patito che lo ha obbligato a saltare il finale di stagione è semplicemente un trascinarsi di un problema aggravato dal fatto di averci giocato sopra, perché tutto è nato a marzo quando Karl-Anthony Towns gli è franato addosso facendogli male. Lui ci ha giocato sopra senza risparmiarsi mai e questo ha reso la situazione sempre più complicata sino al momento di dover dare forfait proprio nel momento più difficile e decisivo della stagione.



“Non ho idea di cosa stia facendo la franchigia, perché è fuori dal mio controllo e io mi occupo solo di ciò che posso gestire. L’unica cosa che so per certa è che il mio problema, una volta guarito, non lo sarà più per il futuro. Nessun dottore mi ha mai disegnato uno scenario diverso”.

Ovviamente sembra che il tira e molla fatto da Cleveland sia per provare ad attaccare a uno scambio già piuttosto equo un asset per il futuro, cosa che fa già presagire determinati scenari nella prossima estate. Da una parte probabilmente questa querelle crea un po’ di frustrazione in Isaiah Thomas e nel suo futuro da max player contract e dall’altra infastidisce i Celtics che si sentono in preda a un tentativo di furto. Sembra comunque difficile sia che lo scambio possa saltare, sia che venga modificato con ulteriori giocatori all’interno.



In collaborazione con basketissimo.com