Coppa Davis, Barazzutti: "Ci godiamo il momento, ma è lunga"

Coppa Davis, Barazzutti: 'Ci godiamo il momento, ma è lunga'
di Askanews

Roma, 3 feb. (askanews) - Capitan Barazzutti non ha avuto dubbi ad affidarsi al nostro doppio più collaudato, quello formato da Fabio Fognini e Simone Bolelli. Il ligure e il bolognese, capaci nel 2015 di conquistare gli Australian Open, non hanno tradito le attese e hanno consegnato all'Italia il punto del 2-1. "Era un punto importantissimo e i ragazzi hanno giocato bene, risposto bene, e si sono espressi ad alto livello per tutto il match contro una coppia di specialisti. Come ieri abbiamo assistito a un vero match da Coppa Davis. Fabio e Simone hanno interpretato alla perfezione i valori di questa manifestazione. Questo è un gran bel gruppo e lo spirito è quello giusto. Ieri Fognini ha giocato con una certa pressione, portando comunque a casa il punto: oggi era più libero, più sciolto e sicuro. Quello di Bolelli è un recupero importantissimo e non solo per la squadra: Simone è un giocatore competitivo che può fare molto bene anche nei tornei". Barazzutti è tornato sull'episodio che ha di fatto consegnato il secondo set ai giapponesi. Sul punteggio di uno a uno, Fognini ha servito un'ottima prima, l'avversario ha risposto e a rete è intervenuto Bolelli che ha fatto punto. Secondo il giudice arbitro Eva Asderaki, Fabio ha urlato "alèee" prima che l'avversario colpisse la palla sulla volée vincente di Simone e ha chiamato palla disturbata regalando il punto e il break ai giapponesi. La panchina ha protestato a lungo, come ha spiegato il capitano azzurro: "Ci hanno praticamente tolto un game, ma Fabio e Simone sono rimasti calmi e concentrati. Ho detto alla Asderaki che la sua era una interpretazione del tutto personale e soprattutto sbagliata. Allora anche quando in doppio si chiama la palla fuori al compagno è palla disturbata. E' una assurdità, i giapponesi avevano dato il punto per perso. Un errore che ci è costato il secondo set, voglio sottolinearlo"