Internazionali d'Italia, impresa Fognini che vola agli ottavi. Vince anche Nadal. Furia Pliskova sull'arbitro

Internazionali d'Italia, impresa Fognini che vola agli ottavi. Vince anche Nadal. Furia Pliskova sull'arbitro
di S. L.

L'azzurro Fabio Fognini conquista l'accesso agli ottavi di finale degli Internazionali Bnl d'Italia 2018, eliminando l'austriaco Dominic Thiem, numero 8 del ranking mondiale e sesta testa di serie, in tre set con il punteggio di 6-4, 1-6, 6-3. L'austriaco, in un eccesso di rabbia dopo aver perso il servizio nel game decisivo ha spaccato una racchetta. Fognini, numero 21 Atp, affronterà ora il tedesco Peter Gojowczyk, che ha eliminato l'azzurro Lorenzo Sonego.

"Penso di aver giocato una partita di livello, ho passato i primi game del secondo set aspettando lui e ho sbagliato qualcosina in più. Sul 5-0 dovevo ormai pensare al terzo e infatti ho iniziato carico, credo di aver meritato".
Questa l'analisi di Fabio Fognini. "Per come arrivavo a questo torneo non avevo nessuna pretesa ma ci tenevo a giocare davanti al mio pubblico. Finalmente connettiamo. Nell'anno in cui arrivai da top-15 (2014, ndr) dopo la vittoria su Murray in Davis, avevo più aspettative e giocai una partita orribile contro Rosol: non dimenticherò mai di essere uscito tra i fischi". Qualche apprensione poi per il problema alla caviglia: "Sulla terra è tornato mentre era sparito all'improvviso ad Indian Wells e Miami. C'è qualcosa che non va quando scivolo, dopo Parigi mi prenderò sicuramente una pausa".

Rafa Nadal si qualifica agevolmente agli ottavi di finale degli Internazionali Bnl d'Italia in corso di svolgimento al Foro Italico di Roma. Lo spagnolo, numero 2 del mondo e prima testa di serie del torneo, ha superato il bosniaco Damir Dzumhur, numero 31 del ranking Atp, col punteggio di 6-1 6-0 in un'ora di gioco. Anche Kei Nishikori si qualifica agli ottavi, dove affronterà il tedesco Kohlschreiber, eliminando dopo un match maratona durato 2 ore e 55 minuti, il numero 3 del tabellone, il bulgaro Grigor Dimitrov, con il risultato di 7-6(4) 5-7 6-4. 

Ma è stata anche uniornata di raptus al Foro italico. Colpa del tempo incerto, o semplicemente della frustrazione per le sconfitte impreviste. Sta di fatto che in un giorno, protagoniste sono le racchette scagliate a terra, o addirittura contro la sedia dell'arbitro. È questo il caso della tennista ceca, Karolina Pliskova, numero 5 nel ranking Wta, che dopo aver perso il match contro la greca Maria Sakkari, ha sfogato tutta la sua furia e rabbia prendendo racchettate la struttura su cui siede l'arbitro. Casus belli, una palla chiamata out e confermata dallo stesso arbitro sul 5-5 40 pari del terzo set.

Meno spettacolare ma non certo passato inosservato, lo sfogo di Dominic Thiem, numero 8 nel ranking Atp. L'austriaco, recente finalista al torneo di Madrid, ha spaccato la sua racchetta sul 40-0 dell'ultimo game del match vinto poco dopo da Fabio Fognini. Poi, con fair play, l'ha regalata a un tifoso sugli spalti.