I demoni di "Gazza" sono tornati: nuovo ricovero per disintossicarsi dall'alcool

Gascoigne ha accettato di entrare in una clinica specializzata dopo l'ennesimo ricovero in ospedale alla fine del 2016. Il manager: "Pregate per lui"

I demoni di 'Gazza' sono tornati: nuovo ricovero per disintossicarsi dall'alcool
Redazione Tiscali

"Gazza" è a terra con un taglio sulla fronte e la stampella a poca distanza dal suo corpo. Il dramma di Paul Gascoigne è racchiuso tutto in questa foto diffusa dai media britannici alla fine del 2016. Una nuova battaglia persa contro la dipendenza dall'alcol, ultimo capitolo di una lenta ma costante caduta del campione. Il declino di uno dei più grandi fantasisti del calcio inglese, scandito negli anni da appelli tutti uguali, risse e tribunali. Gascoigne ha accettato di entrare in una clinica specializzata per "liberarsi dai suoi demoni" ovvero "disintossicarsi". Non è la prima volta. Gascoigne ha 49 anni ma sono ormai più di vent'anni anni che ha una dipendenza dall'alcol e i ripetuti ricoveri in centri specializzati si sono rivelati inutili.

Il manager: "Sta cercando di liberarsi dai suoi demoni"

Il 2016 è stato un "annus horribilis" per l'amatissimo ex centrocampista della Lazio. Si è chiuso con un ricovero in ospedale con una ferita alla testa dopo essere caduto dalle scale di un hotel londinese. Poco prima, completamente ubriaco, avreva rivolto insulti razzisti ai clienti dell'hotel lanciando soldi. "Paul vuole che tutti sappiano che si sta curando – ha spiegato il suo agente, Terry Baker -. Sta cercando di liberarsi dai suoi demoni, invito tutti a fare una preghiera per lui". Anche Bianca Gascoigne, la celebre figlia del calciatore, ha dichiarato: "Sta male e spero rimanga in clinica per un lungo periodo di tempo".

La promessa: "Non farò la fine di George Best"

"Non farò la fine di George Best, lui è morto. Non sono come lui, e non voglio arrendermi", aveva giurato Gazza ricordando l'attaccante nordirlandese morto all'età di 59 anni dopo una lunga battaglia contro la dipendenza dagli alcolici. Ma alla fine di aprile i "demoni" avevano bussato alla porta dell'ex campione e lui aveva ceduto. "Ho avuto una sola ricaduta dopo undici mesi in cui sono stato pulito. Ma è stato solo un giorno e mezzo in quasi un anno. Ora sto bene", si era giustificato. Ma i buoni propositi di Gascoigne sono caduti invano.