"Con 10 milioni di euro Neymar era nostro, ma scegliemmo Alan Gatagov"

Nel 2009 il Lokomotiv Mosca scartò il brasiliano per valorizzare un ragazzo delle giovanili. L'ex presidente: "Cifra troppo alta per un giocatore così giovane"

TiscaliNews

La storia del calcio mercato è fatta di tante occasioni mancate e scelte scellerate. Come quelle del Lokomotiv Mosca. Nel 2009 i "Ferrovieri" dovevano scegliere un giovane fantasista per rafforzare la squadra. Davanti alla scelta tra il brasiliano Neymar da Silva Santos Júnior e Alan Gatagov, i moscoviti optarono per il secondo. Nell'estate del 2017 il Psg ha sborsato 222 milioni per strappare il giocatore al Barcellona mentre Gatagov è valutato circa 200 mila euro ed è disoccupato. E così mentre oggi "O' Ney" guadagna oltre tre milioni al mese l'ex presidente del Lokomotiv, Nikolai Naumov, si mangia le mani per la decisione presa meno di 10 anni fa.

"Troppo giovane, non sapevamo se si sarebbe adattato in Russia"

L'interesse del Lokomotiv Mosca nei confronti del brasiliano era iniziato nel 2008. Il 16enne Neymar aveva stregato tutti durante la Mediterranean Cup del 2008 al quale avevano partecipato anche i russi. "I nostri osservatori andarono in Brasile per seguirlo e nel 2009 valutammo se acquistare o meno Neymar - ha dichiarato Naumov a Sport-Express -. Ma c'erano tanti dubbi: era troppo giovane, non sapevamo come si sarebbe adattato in Russia e quindi abbiamo deciso di non prenderlo. Non ricordo con esattezza la sua valutazione, ma era intorno ai 10 milioni. Non ce la siamo sentita di sborsare questa cifra per un giocatore così giovane di un altro continente. Ai tempi preferimmo Gatagov che faceva parte del nostro vivaio, pensavamo fosse ugualmente all'altezza di Neymar".

Il rapido declino di Alan Gatagov

L'errore di valutazione è sotto gli occhi di tutti. Alan Gatagov ha esordito nel 2009 con la maglia Lokomotiv e con quella della nazionale russa Under 21. Ma la sua gloria è durata solo due stagioni. Nel 2011 è stato ceduto alla Dynamo Mosca ma è uscito dal giro della nazionale U21. Dal 2014 ha cercato fortuna fuori dalla patria: prima al Maccabi Petah Tikva F.C. in Israele, poi i kazaki dell'Irtysh Pavlodar ed infine in Estonia con la maglia del Levadia. Il 23 gennaio ha compiuto 27 anni ed è in cerca di una squadra.