Sarri: "Napoli? Non meritavo di venire liquidato così". E tratta con il Chelsea

Il presidente De Laurentiis saluta il tecnico con un tweet. Trattativa aperta con il Blues che devono decidere la sorte di Conte, ma c'è anche lo Zenit

TiscaliNews

Un tweet di ringraziamento a fira di Aurelio De Laurentiis. L'avventura di Maurizio Sarri al Napoli si è chiusa forse nel peggiore dei modi. Il presidente azzurro ha scelto di affidare la squadra a Carletto Ancelotti e ha salutato Sarri con un messaggio social. "Ringrazio Maurizio Sarri per la sua preziosa dedizione al Calcio Napoli che ha permesso di regalare alla città e ai tifosi azzurri in tutto il mondo prestigio ed emozioni", ha "cinguettato" il presidente. E l'allenatore toscano non avrebbe gradito il finale scritto dal suo ormai ex datore di lavoro. Secondo quanto riportato da Il Mattino, Sarri avrebbe detto: "Ho capito tutto domenica sera. Ma in tre anni ho mandato giù qualsiasi cosa e non avrei meritato di venire liquidato così guardando la tv".

Il Chelsea bloccato da Conte il "vincitore seriale"  

Ma il Napoli è già il passato. Il tecnico toscano è in trattativa con il Chelsea, ma non ha chiuso la porta in faccia allo Zenit San Pietroburgo. Secondo alcune indiscrezioni circolate in Inghilterra, alcuni rappresentanti di Sarri sarebbero giunti a Londra per trattare con il Chelsea. Ma l'allenatore dei Blues è ancora Antonio Conte, che non ha raggiunto la qualificazione in Champions League ma ha vinto la FA Cup contro il Manchester United dell' "odiato" Mourinho. L'ex Ct non sembra intenzionato ad accettare una risoluzione consensuale del contratto. "Non ho voluto ascoltare nessuna altra proposta perché da gennaio la mia decisione è stata molto chiara: ovvero rispettare il contratto con il Chelsea e continuare a lavorare qui. Abbiamo vinto il campionato (nel 2016-2017) e la FA Cup, e ho dimostrato anche in Inghilterra di essere un vincitore seriale nonostante le difficoltà". Il "vincitore seriale" attenderà quindi l'esonero da parte del Chelsea.

Lo Zenit San Pietroburgo non molla

Se dovesse fallire la trattativa con il Chelsea per andare ad allenare in Champions League, resta però aperta la strada che porta in Russia. Per ora Sarri avrebbe declinato la ricca proposta dello Zenit San Pietroburgo, pronto a pagare la clausola di 8 milioni di euro e di darne altrettanti al tecnico (quattro milioni di euro più bonus a stagione per due anni).