Il Real alza l'offerta per Dybala: 105 milioni alla Juve e 10 all'anno alla Joya

I media spagnoli ribadiscono che è in corso una trattativa tra il presidente Perez e i campioni d'Italia. Marotta: "Non ci sono timori che possa andare via"

Paulo Dybala
L'attaccante della Juventus, Paulo Dybala (Ansa)
Redazione Tiscali

Il futuro di Paulo Dybala è bianco o bianconero? La posizione della Juve è chiara: "è una certezza presente e futura". Ma il Real Madrid non sembra intenzionato a mollare la presa e porta l'offerta a 105 milioni di euro. Una normalissima operazione di calciomercato che si sta trasformando in una telenovela simile a quella che ha portato un talento "incedibile" da Torino a Manchester sponda United. Mentre anche il "Divin Codino" Baggio esalta l'argentino ("è un talento grandissimo, ha grandissimi margini di miglioramento") i tifosi sperano che non venga spezzata la coppia del gol HD (Higuain-Dybala).

Real: contratto da 10 milioni l'anno per Dybala

I media spagnoli confermano l'interessamento delle merengues per la La Joya. Il Mundo Deportivo aveva annunciato l'addio alla Juve anche in caso di rinnovo del contratto con i campioni d'Italia, oggi il quotidiano Sport conferma la notizia e indica i dettagli dell'offerta del Real. L'offerta di Florentino Perez è questa: 105 milioni di euro alla Juve e uno stipendio da 10 milioni di euro l'anno all'attaccante. Un ulteriore "chiave" per arrivare a Dybala potrebbe essere l'ex bianconero Alvaro Morata che verrebbe ceduto (non necessariamente alla Juve) per far cassa.

Marotta: "Vogliamo migliorare il suo rapporto economico"  

Per la Juve però la trattativa non esiste. "Il presidente Perez non mi ha chiamato", ha dichiarato con un po' di ironia il dg Beppe Marotta. La posizione ufficiale della Juve è che Dybala rinnoverà il contratto. "Il vincolo che abbiamo con Dyabala è pluriennale, ha ancora tre anni e mezzo di contratto con noi. Abbiamo approcciato con il suo entourage perché vogliamo migliorare il suo rapporto economico. Merita un adeguamento perché ha dimostrato di valere ed è giusto ritoccargli il contratto. Il rapporto con lui è idilliaco, non ci sono timori che possa andare via anche perché credo che la Juve rappresenti una delle migliori squadre al mondo. La Juve non è punto d'arrivo ma è una certezza presente e futura: non potrebbe stare meglio".