Sette anni di contratto e zero minuti in campo: il folle caso dell'ex portiere prodigio

Matej Delac firmò giovanissimo col Chelsea, ma non ha mai giocato con i Blues collezionando 9 prestiti in club con poche ambizioni. Ora vuole lasciare Londra

Sette anni di contratto e zero minuti in campo: il folle caso dell'ex portiere prodigio
Redazione Tiscali

"Il babyportiere pararigori". "Il nuovo Petr Cech". Erano queste le credenziali che convinsero il Chelsea di Roman Abramovic a tesserare Matej Delac. Un accordo da  2,5 milioni di euro siglato nel settembre del 2009 ma che entrò in vigore nell'estate del 2010. Quando arrivò a Londra Delac aveva 18 anni, era il terzo portiere della Nazionale croata, ed era considerato il portiere del futuro. Ma, come spesso accade nel calcio, le cose non sono andate come previsto. Delac ha il particolare record di non aver mai giocato un solo minuto con i Blues nonostante un contratto di cinque anni poi esteso a sette. In questi anni si sono alternati sulla panchina del Chelsea Carlo Ancelotti, Roberto Di Matteo, Rafael Benítez, José Mourinho, Guus Hiddink ed infine Antonio Conte. Ma in tutti questi anni il portierino bosniaco-croato ha collezionato zero apparizioni in gare ufficiali.

Nove prestiti in sette annni

E mentre il Chelsea riempiva la sua bacheca con due titoli nazionali (2014-2015 e 2016-2017) una Champions League (2011-2012) e una Europa League (2012-2013), Delac collezionava prestiti, ben nove, in club con poche ambizioni. Il primo prestito nel 2010 agli olandesi del Vitesse: zero presenze. Nella stagione 2011-12 ai cechi della Dinamo České Budějovice: una sola partita giocata. Poi Vitória Guimarães, senza giocare un minuto, e ritorno all'Inter Zaprešić, la società croata nella quale era cresciuto. A seguire negli anni: Vojvodina (Serbia), Sarajevo (Bosnia) 'Athlétic Club Arles-Avignon (Francia) e Royal Excel Mouscron (Belgio).

Delac: "Il Chelsea non ha mai dubitato della mia qualità"

In estate Delac è tornato nella rosa del Chelsea di Conte. E' il quarto portiere dei Blues dietro al belga Thibaut Courtois, all'argentino Willy Caballero e al portoghese Eduardo. A 25 anni e con un valore commerciale scivolato a 900 mila euro, l'eterna promessa ha deciso di lasciare Londra al termine della stagione in corso (alla scadenza naturale del contratto). "Presto arriverà un momento che dovrò lasciare il Chelsea - ha detto il portiere al Sun -. Molte persone mi chiedono se mi sono pentito di essere arrivato a Londra così giovane e non aver giocato magari in un piccolo club. No, non mi è dispiaciuto. La mia carriera poteva essere migliore, ma ho 25 anni e ho incontrato molti allenatori e giocatori. Ho accumulato una grande esperienza. Il Chelsea non ha mai dubitato della mia qualità, ha sempre creduto in me e lo dimostra il fatto che ha rinnovato più volte il mio contratto. Il problema è stato sempre il permesso di lavoro". Delac riceve dal Chelsea circa 500 mila euro di stipendio annuale.