Champions League, la Juve trova il Barcellona. Male la Roma, sorride il Napoli. Totti ride durante il sorteggio

Questo l'esito del sorteggio dei gironi effettuato a Montecarlo. Il massimo torneo continentale per club prenderà il via il 12-13 settembre e si concluderà il 26 maggio con la finale di Kiev

Redazione Tiscali

Non è andata bene alla Roma, Juventus e Napoli possono invece avere fondate speranze di superare il turno. Queste le indicazioni emerse dal sorteggio della fase a gironi della Champions: le palline estratte da Francesco Totti (che ride guardando Buffon dopo aver pescato i catalani per la Juve) e Andriy Schevchenko hanno riservato ai giallorossi, oltre agli azeri del Qarabag, avversari durissimi come il Chelsea di Antonio Conte, campione d'Inghilterra, e l'Atletico Madrid del 'Cholo Simeone', due volte finalista nelle ultime quattro edizioni. Ma è vero che, come dice Totti, sarà dura anche per gli altri "perché sfidare la Roma non è facile per nessuno".

Se ne accorgerà Dino Ndlovu, giramondo sudafricano e bomber del Qarabag, già a quota cinque gol in partite ufficiali in questa stagione e fra gli artefici del passaggio del preliminare, a spese del Copenaghen. Occhio anche a Mahir Madatov, seconda punta che a 20 anni fa già parte anche della nazionale. Peccato solo che in questo girone C non ci si possa gustare la sfida tra Diego Costa e il suo passato e futuro: il brasiliano è stato messo ai margini dal Chelsea, tornerà ad essere un 'colchonero' solo a gennaio per via del bando Fifa all'Atletico. Nel frattempo l'ispano-brasiliano rischia di continuare ad allenarsi con le giovanili.

La Juve ha pescato il Barcellona di Messi e Iniesta, e bisognerà attendere la fine del mercato per capire il reale valore dei blaugrana, che se riuscirà davvero a prendere Coutinho e Dembelé, obiettivi dichiarati, sarà per forza migliore di quello senza attributi e con poco gioco visto nella doppia finale della Supercoppa nazionale contro il Real. Juve-Barca sarà la rivincita della doppia sfida dei quarti di finale della scorsa stagione, e l'ennesimo duello fra il Pistolero Suarez e Giorgio Chiellini. I bianconeri hanno poi trovato rivali abbordabili come l'Olympiacos Pireo e lo Sporting Lisbona del cannoniere Bas Dost e del nuovo talento Gelson Martins.

Come ha sottolineato il d.g. Marotta, "ci sono sempre delle insidie" ma è prevedibile che i campioni d'Italia, due volte finalisti nelle ultime tre edizioni, sappiano come affrontarle. Il Napoli se la vedrà con il Manchester City di Guardiola e dell'ex genero di Maradona 'Kun' Aguero, e con Shakhtar e Feyenoord, due squadre sempre scorbutiche anche se gli olandesi sembrano essersi indeboliti dopo il ritiro di Kut e le cessioni di Karsdorp alla Roma e Kongolo al Monaco. Va comunque detto che, al di là di tutto, se la squadra di Sarri gioca come sa ha buone possibilità di farcela, e quindi l'entusiasmo del presidente De Laurentiis è giustificato.

Gli altri gironi, quelli senza italiane, propongono confronti classici in Europa come quelli fra Real Madrid e Borussia Dortmund e fra Benfica e Manchester United, mentre nel gruppo B ci sono due corazzate come Bayern e Paris SG. Quelli più incerti, sulla carta, sono l'E con Spartak Mosca, Siviglia e Liverpool, e il G dove tutte e quattro possono sperare di passare visto il livello non eccelso delle contendenti: il Monaco finora ha venduto troppo per poter essere considerato favorito, attenzione al Lipsia targato Red Bull, che potrebbe essere la sorpresa.

Sempre a Montecarlo, il portiere della Juve e della nazionale, Buffon, è stato premiato come miglior portiere della Champions 2016/17. "Sono molto orgoglioso, voglio continuare ancora", ha detto il n.1, citando Steve Jobs e il suo motto "stay hungry, stay foolish".

I gironi:

Gruppo A: Benfica, Manchester United, Basilea, Cska Mosca.

Gruppo B: Bayern Monaco, Psg, Anderlecht, Celtic.

Gruppo C: Chelsea, Atletico Madrid, Roma, Qarabag.

Gruppo D: Juventus, Barcellona, Olympiacos, Sporting Lisbona.

Gruppo E: Spartak Mosca, Siviglia, Liverpool, Maribor.

Gruppo F: Shakhtar Donetsk, Manchester City, Napoli, Feyenoord.

Gruppo G: Monaco, Porto, Besiktas, Lipsia.

Gruppo H: Real Madrid, Borussia Dortmund, Tottenham, Apoel.

Ottavi di finale: andata 13-14 e 20-21 febbraio 2018, ritorno 6-7 marzo e 13-14 marzo;

Quarti di finale: andata 3-4 marzo e ritorno 10-11 marzo;

Semifinali: andata 24-25 aprile e ritorno 1-2 maggio;

Finale: Kiev, 26 maggio.

Il calendario

 

Il calendario

Juventus

Prima giornata, 12 settembre: Barcellona-Juventus. Seconda giornata, 27 settembre Juventus-Olympiacos. Terza giornata, 18 ottobre

Juventus-Sporting. Quarta giornata, 31 ottobre. Sporting-Juventus. Quinta giornata, 22 novembre Juventus-Barcellona. Sesta giornata, 5 dicembre

Olympiacos-Juventus

Roma

Prima giornata, 12 settembre Roma-Atletico Madrid. Seconda giornata, 27 settembre Qarabag-Roma. Terza giornata, 18 ottobre Chelsea-Roma. Quarta giornata, 31 ottobre Roma-Chelsea. Quinta giornata, 22 novembre Atletico Madrid-Roma. Sesta giornata, 5 dicembre Roma-Qarabag.

Napoli

Prima giornata, 13 settembre Shakthar-Napoli. Seconda giornata, 26 settembre Napoli-Feyenoord. Terza giornata, 17 ottobre Man City-Napoli. Quarta giornata, 1 novembre Napoli-Man City. Quinta giornata, 21 novembre Napoli-Shakthar. Sesta giornata, 6 dicembre Feyenoord-Napoli 

La data della finale

Sarà decisa dal comitato esecutivo del prossimo 21 settembre la sede della finale di Champions League della prossima stagione calcistica, 2018-'19. Lo ha fatto sapere l'Uefa, precisando che la scelta sarà ristretta a Baku, capitale dell'Azerbaigian con il suo Olympic Stadium (che ospitò i Giochi Europei del 2015), e Madrid con l'Estadio Metropolitano, avveniristica nuova 'casa' dell'Atletico Madrid. Tre sono invece le sedi in lizza per la finale dell'Europa League: ancora l'Azerbaigian con l'Olympic Stadium, la Spagna con l'Estadio Ramón Sánchez Pizjuán di Siviglia e la Turchia con il Beşiktaş Park di Istanbul.