Mondiali: Egitto, problema è il Ramadan

Mondiali: Egitto, problema è il Ramadan
di ANSA

(ANSA) - ROMA, 14 GIU - "Domani si gioca, ma la nostra grande sfida è il Ramadan, principalmente per il fatto che sia durato durante tutto il periodo di preparazione a questo Mondiale. La verità è che, fino al calar del sole, ci siamo sottoposti a molti giorni di digiuno e ora avremo tre partite a scadenza ravvicinata appena dopo la fine del Ramadan". A parlare così, alla vigilia della sfida contro l'Uruguay e in coincidenza della fine del Ramadan, che è questa sera, è il medico della Nazionale egiziana Mohamed Abouelela, preoccupato per l'esordio dei Faraoni nel Mondiale: "Domani giocheremo e i calciatori non faranno in tempi a riadattarsi al ciclo normale. il discorso riguarda anche il sonno, visto che siamo anche passati per due orari diversi. Per noi sarà molto difficile, ma cercheremo di dare il meglio".