Balotelli non convocato, la rabbia di Raiola: "La Nazionale fa schifo"

Il procuratore di "SuperMario" attacca: "Il problema non è il Ct, ma il sistema calcio". Anche Gentile contro Di Biagio: "Non merita la Nazionale"

Mario Balotelli (foto Ansa)
Mario Balotelli (foto Ansa)
TiscaliNews

"I gol per gli attaccanti sono importanti, ma vanno conditi da prestazioni fatte in un certo modo". Con questo giudizio il Ct della Nazionale, Gigi Di Biagio, ha escluso Mario Balotelli dalla lista dei convocati per le gare amichevoli che la Nazionale affronterà contro l'Argentina venerdì 23 marzo a Manchester e l'Inghilterra martedì 27 a Londra. L'ennesima porta in faccia a "Balo" ha mandato su tutte le furie il procuratore del giocatore, Mino Raiola.

"Abbiamo una Federazione che fa schifo" 

"Siamo dispiaciuti per la mancata convocazione di Balotelli, ma ci dispiace ancora di più per la spiegazione ricevuta, pubblicamente perché con noi non parlano", ha detto Raiola a Radio 24. "Abbiamo una Federazione che fa schifo, è molto scarsa, molto debole, non ha idee di cosa fare - ha proseguito -. Dovremmo cercare prima un direttore sportivo, poi fare un piano tecnico, non cercare un tecnico e farci fare un piano". "Se Di Biagio dice che i numeri per un attaccante non contano e che sui comportamenti non ha niente da dire, allora la Nazionale è chiusa per Mario", ha tuonato il procuratore dell' attaccante del Nizza.

"Il problema non è il Ct, ma il sistema calcio"

"Se i numeri non contano una volta, un'altra volta contano i comportamenti - ha proseguito Raiola -, allora penso che sia un discorso chiuso la Nazionale per Balotelli. Rispettiamo il Ct, il problema non è lui, ma il sistema calcio. Abbiamo una Federazione che lavora dando tutti i poteri i mano al Ct, senza avere un piano, un programma, un'idea per il futuro. Abbiamo solo cambiato Ct. Per me questa è la strada sbagliata".

 

"Ci vuole un Ct manager, ma Di Biagio non è l'uomo adatto"

"La Nazionale deve rappresentare i migliori calciatori del tuo Paese, se tu sei tra i migliori e non vieni selezionato, vuol dire che qualcuno ha cambiato le regole e che ce le spieghino che noi proviamo ad adeguarci - ha detto ancora Raiola -. La discussione non è Di Biagio o le sue scelte, ma dove vuole arrivare la Figc, dove vuole arrivare la Nazionale". "Le nazionali hanno gli stadi pieni, non come da noi, dove sono vuoti. Negli altri paesi la nazionale è una gioia, da noi è una polemica" ha aggiunto il procuratore, lanciando una proposta: "Io ripartirei dal sistema tedesco, abbiamo un sistema simile a quello inglese, dove il Ct lavora come un manager, ma Di Biagio non è l'uomo adatto per questo".

Anche Gentile contro Di Biagio: "Non merita la Nazionale"

Di Biagio "non adatto" anche per una bandiera azzurra ed ex ct dell'Under 21 come Claudio Gentile. Il campione del mondo 1982 entra in tackle sul Ct dell'Italia del nuovo corso: "Non mi pare ci siano pareri postivi: ha fallito con l'Under 21 in cui ha avuto 6 giocatori della Nazionale A e dopo aver detto che era la più forte degli ultimi 20 anni. Non mi sembra meritevole di ciò che sta ottenendo", il duro giudizio di Gentile a Radio Sportiva. "Se uno vince e viene mandato via e quelli che non vincono vengono confermati qualcosa non quadra - ha aggiunto Gentile -: i tecnici federali arrivati alla posizione di Ct sono passati da risultati positivi in Under 21, in questo caso non mi sembra ci siano le credenziali dei suoi predecessori ma come traghettatore può anche andar bene".