Infantino: "L'Italia ripescata al Mondiale? No, bisogna qualificarsi sul campo"

Il presidente della Fifa smentisce definitivamente le ipotesi di un clamoroso ripescaggio degli azzurri per Russia 2018: "Chi c'è ha meritato di esserci"

Infantino: 'L'Italia ripescata al Mondiale? No, bisogna qualificarsi sul campo'
Redazione Tiscali

Prima l'ipotesi dell'esclusione dai Mondiali del Perù, poi quella della Spagna. I tifosi dell'Italia si sono aggrappati alla speranza di un clamoroso ripescaggio per Russia 2018, ma i sogni si sono infranti definitivamente davanti alle parole del presidente della Fifa, Gianni Infantino. "Esiste davvero la possibilità che l'Italia venga ripescata al Mondiale? No, bisogna qualificarsi sul campo", il commento del massimo dirigente della Fifa. "Chi c'è ha meritato di esserci - ha aggiunto Infantino -. Certo, il fatto che l'Italia non vada al Mondiale è una tragedia, sportivamente parlando, ma deve essere uno stimolo per rimboccarsi le maniche e passare dalle parole ai fatti. Bisogna lavorare, riformare, innovare e riportare l'Italia sul tetto del mondo dove merita di essere anche nel calcio".

"Sappiamo tutti cosa va fatto in Italia"

La mancata qualificazione al Mondiale in Russia è un dato di fatto che appartiene però al passato, la "rifondazione" azzurra partirà con l'elezione del nuovo presidente della Figc che sarà eletto il 29 gennaio. "La governance è importantissima, bisogna che chi dirige il calcio italiano abbia la possibilità di prendere decisioni - ha detto Infantino -, di incidere nel movimento. Lo sappiamo tutti cosa va fatto in Italia, da anni si parla degli stadi, dei settori giovanili, della formazione".

"Il Var è una macchina bellissima"

Infantino ha parlato anche del tanto discusso Var. "Sta andando benissimo, soprattutto grazie all'Italia. E' una macchina bellissima che dà più giustizia e trasparenza. Gli darei un nove", ha detto il presidente della Fifa. Le polemiche esplose dopo Lazio-Torino per Infantino sono un caso tutto italiano. "E' una malattia veramente molto italiana ma che non esiste - ha detto Infantino -. Bisogna guardare le decisioni che vengono prese grazie alla Var - ricorda - e alla fine sono decisioni giuste. Gli errori ci saranno sempre quando ci sono gli esseri umani, l'importante è evitare quelli clamorosi e gravi, e con la Var si evitano al 100%. Il lavoro che si sta facendo in Italia è all'avanguardia, è eccellente".