La pazienza di De Laurentiis è finita: il Napoli pronto a licenziare Sarri

Il patron stringe i tempi, ma non ha formalizzato l'offerta di rinnovo da 3,5 milioni. Lo Zenit S. Pietroburgo è pronto a pagare la clausola rescissoria

La pazienza di De Laurentiis è finita: il Napoli pronto a licenziare Sarri
TiscaliNews

Chi occuperà la panchina del Napoli nella prossima stagione? Ancora un giorno di trattative e poi dovrebbe arrivare l'ultima puntata della "telenovela" che ha per protagonisti Sarri e De Laurentiis. E come in tutte le fiction televisive potrebbe esserci un clamoroso finale con il licenziamento del tecnico toscano da parte della società azzurra. De Laurentiis è stato chiaro: "Il tempo è scaduto". "Non ha più voglia di aspettare, il presidente, è parecchio infastidito dal comportamento del proprio allenatore", scrive la Gazzetta dello Sport.

Ancelotti primo obiettivo, ma c'è anche Simone Inzaghi

Il patron sta valutando l'ipotesi dell'esonero e contemporaneamente sta corteggiando vari allenatori. Il primo obiettivo è Carletto Ancelotti ma nelle ultime ore è saltato fuori il nome di Simone Inzaghi. E' uscito dalla lista invece Unai Emery. Il tecnico spagnolo, che ha vinto tre Europa League con il Siviglia, ha appena lasciato il Paris Saint Germain ma dovrebbe accettare l'offerta dell'Arsenal.

La clausola rescissoria e l'offerta di rinnovo on formalizzata

Ma Sarri, anche se non ha ancora dato una risposta definitiva, resta l'allenatore del Napoli. Il tecnico ha un contratto fino al 2020 con una clausola rescissoria di 8 milioni valida fino al 31 maggio. Clausola che la società intende sfruttare o rinnovare insieme al contratto. Secondo quanto riporta Il Mattino, l'ultima proposta di rinnovo avanzata da De Laurentiis (3,5 milioni di euro) non è stata ancora formalizzata. Ed è difficile che l'offerta salga a quota 4 milioni. 

Lo Zenit è pronto a pagare la clausola rescissoria

Sarri attende e valuta le offerte. Secondo i media inglese, l'allenatore sembrava destinato al Chelsea di Abramovic per sostituire Antonio Conte. Ma la situazione in casa dei Blues dopo la vittoria della Fa Cup è radicalmente mutata. Conte potrebbe essere confermato e bloccare il trasferimento di Sarri. Meno gradita, ma più concreta, l'ipotesi che di trasferirsi in Russia allo Zenit San Pietroburgo. La società russa è pronta a versare la clausola di 8 milioni al Napoli e offrire a Sarri un contratto triennale sulla base di 6.5 milioni di euro a stagione.