La scure del dittatore Kim Jong-un si abbatte sul bomber del Perugia Han

Il giovane attaccante nordcoreano rifiuta l'invito della "Domenica Sportiva" su pressione del regime. Il presidente del Perugia: "E' impaurito"

La scure del dittatore Kim Jong-un si abbatte sul bomber del Perugia Han
©Getty Images
di Redazione Tiscali

Il Perugia è primo in classifica in serie B e i tifosi umbri sognano di poter tornare in A grazie ai gol del "bomberino" Kwang-Song Han. Ma il giovane attaccante nordocoreano, giunto in estate in prestito dal Cagliari, conquista le cronache non solo per la sua media realizzativa (5 reti realizzate nelle prime 6 partite). La sua "assenza" durante programma della Rai Domenica Sportiva, si è trasformato in un caso di "politica internazionale".

Il "silenzio" imposto ai giocatori nordcoreani in Europa

In sintesi Kwang-Song Han avrebbe rifiutato all'ultimo momento l'invito del programma sportivo su pressione del regime di Pyongyang. Data la crisi internazionale che coinvolge Corea del Nord e Stati Uniti, Kim Jong-un avrebbe imposto agli atleti nordcoreani il silenzio stampa. Non solo Han ma anche l'attaccante del Lucerna e della nazionale nordcoreana, Jong Il-Gwan, avrebbe rispettato l'ordine giunto dal Paese natale.

Il presidente del Perugia: "E' impaurito"

Secondo quanto riporta La Stampa, domenica sera tutto era pronto e Han in un hotel milanese aspettava l'inizio della trasmissione, quando sarebbe arrivata una telefonata dalla Corea del Nord. Divieto assoluto di andare in tv per il ragazzo che ha rifiutato. Il patron del Perugia Santopadre, che si è presentato da solo alla Domenica Sportiva, ha ammesso che "Han è impaurito". Il presidente degli umbri ha negato però pressioni internazionali. "Il ragazzo è chiuso in camera. Ha 19 anni e non se l’è sentita. Deve ancora crescere per ciò che riguarda le vicende extra-campo", ha spiegato Santopadre.