Il Parma calcio femminile dona sangue

Il Parma calcio femminile dona sangue
di Sportal.it


'Donne che donano la vita', festeggiare l'8 marzo, giorno della Festa della Donna, in modo diverso, affinché questa ricorrenza abbia il sapore dell'altruismo e del dono.

Il Parma Calcio 1913 Femminile, nella mattina della giornata dedicata al gentil sesso, parteciperà alla donazione di sangue e agli esami di idoneità al Centro Trasfusionale dell’Ospedale Maggiore di Parma, organizzati da ADAS (Associazione Donatori Aziendali Sangue)-FIDAS di Parma, con il patrocinio del Comune di Parma e l’adesione del Centro Antiviolenza di Parma.

 

L’appuntamento è dalle 7.30 alle 9.30 per festeggiare tutte le donne che già donano e quelle che desiderano diventare donatrici.

L’iniziativa è stata presentata venerdì nella sala stampa dello stadio Ennio Tardini, con gli interventi di Nicoletta Paci (Vice Sindaco del Comune di Parma), Ines Seletti (presidente Adas Fidas Provinciale), Alessandro Formentini (direttore unità operativa Immunoematologia e trasfusionale dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma), Samuela Frigeri (presidente del Centro Antiviolenza di Parma), Fausto Pizzi (responsabile squadra femminile e del Settore Giovanile del Parma Calcio 1913), Cristina Romanini (dirigente/calciatrice del Parma Calcio 1913 Femminile) e Federica Bandini (calciatrice Parma Calcio 1913 Femminile).

 

Adas Fidas Parma  ha invitato le sue 1007 donatrici a passare, la mattina dell’8 marzo, al Centro Trasfusionale per donare il proprio sangue nella giornata della Festa della Donna.

L’Associazione Donatori Aziendali di Sangue non è sola in questa iniziativa. Sono al suo fianco due realtà al femminile: le calciatrici del Parma Calcio 1913 e l’Associazione Centro Antiviolenza. L’evento è patrocinato dal Comune di Parma.

‘Donne che donano la vita’ è un modo per rilanciare un grande messaggio che arrivi al cuore delle persone, facendo capire quanto sia importante donare sangue, un gesto anonimo e gratuito capace di salvare la vita ai tanti che necessitano di una trasfusione.

Solo Adas, che fra Parma e provincia conta 32 gruppi associati con oltre 2.500 donatori attivi, registra ogni anno più di 3.000 donazioni. Numeri importanti, che si auspicano in continua crescita, perché di sangue c’è sempre bisogno.