Auto rosa e sogni di gloria ma il team principal della Force India finisce in manette

Fermato a Londra Vijay Mallya. L'India ha chiesto l'estradizione e contesta all'uomo d'affari un debito non restituito di 1,3 miliardi di euro

Auto rosa e sogni di gloria ma il team principal della Force India finisce in manette
Redazione Tiscali

Le momposto rosa hanno portato fortuna e i 14 punti raccolti da "Checo" Pérez in tre gran premi sono un buon risultato, ma i giorni di gloria della Sahara Force India sono ancora lontani. Ma il team principal della scuderia indiana di Formula 1 ha altri problemi da risolvere. Vijay Mallya è stato arrestato a Londra dalla polizia inglese su richesta della magistratura indiana. Dopo l'arresto a fini di estradizione da parte di Scotland Yard, l'uomo d'affari indiano e team principal della Sahara Force India ha ottenuto però la libertà provvisoria pagando una cauzione di circa 767.000 euro.

Ha un debito di 1,3 miliardi di euro con un consorzio di 17 banche

 

L'India ha chiesto l'estradizione per Vijay Mallya per un enorme debito non restituito di 1,3 miliardi di euro ad un consorzio di 17 banche. Il patron della scuderia non si è però scomposto più di tanto e ha twittato: "Tipico battage pubblicitario all'indiana". L'uomo d'affari è sicuro che la battaglia legale per l'estradizione si presenta lunga e complessa. Mallya infatti, ha un passaporto britannico dopo che quello indiano gli è stato annullato, e può fare ricorso contro una eventuale decisione di estradizione in tribunali di vario grado, potendo allungare il processo di mesi.

Ha lasciato l'India nel 2016 dopo il fallimento della Kingfisher Airlines

Mallya ha lasciato l'India e si è trasferito a Londra il 3 marzo 2016 a causa delle sue difficoltà finanziarie legate anche al fallimento della compagnia Kingfisher Airlines. L'imrenditore motivò la decisione con: "voglio stare più vicino ai miei figli". Da sempre appassionato di auto, nel 2007 acquistò per 88 milioni di euro insieme all'olandese Michiel Moll il team Spyker F1, ribattezzandolo prima 'Force India Formula One Team' e poi 'Sahara Force India' quando nel 2011 il conglomerato Sahara India Pariwar di Subrata Roy acquistò per 100 milioni di dollari il 42,5% del team. Per evidenti ragioni di prudenza nella scorsa stagione Mallya non ha mai abbandonato la Gran Bretagna ed ha partecipato di persona solo al Gran Premio di F1 svoltosi a Silverstone.