L'inno all'ottimismo di Sergio Marchionne

L'inno all'ottimismo di Sergio Marchionne
©Getty Images
di Sportal.it

Da una parte l’incontenibile entusiasmo del popolo rosso, dall’altra la prudenza determinata dalle caratteristiche di un circuito che non favorisce la Ferrari.



Ma il Gp di Monza è la corsa per eccellenza della stagione del Cavallino e allora il presidente Marchionne non può che essere ottimista, complice il primo posto nella classifica mondiale di Seb Vettel, che ha 7 punti di margine su Lewis Hamilton. Marchionne guarda al presente, ma soprattutto a un 2018 roseo:



“Questa pista è la più difficile per noi da qui alla fine della stagione, ma abbiamo un piano di sviluppo per il resto dell'anno. Se guardiamo lo sviluppo della vettura abbiamo una serie di interventi come motore e aerodinamica che miglioreranno ancora la macchina. Tutte queste cose stabiliscono una base solida per il 2018”.



Insomma, orizzonti di gloria in vista, ma vincere subito non sarebbe male…:

“Più contenti di cosi non potremmo essere, il lavoro dei ragazzi svolto in silenzio ha pagato – ha concluso Marchionne - Sono veramente contento anche se domenica scorsa non è andata come volevamo. Se poi a Monza sarà doppietta faremmo veramente un casino, sarei veramente contento".