Aleix Espargaró esulta: "Tutto può succedere"

Aleix Espargaró esulta: 'Tutto può succedere'
©Getty Images
di Sportal.it

Aleix Espargaró ha confermato in qualifica quanto di buono messo in mostra nelle libere. Sulla pista di Motegi ha conquistato il quarto tempo arrivando a soli 44 millesimi da una clamorosa prima fila e ora si candida tra i protagonisti per la gara di domani. Dopo un ottimo venerdì (secondo nel primo turno di libere e terzo nel secondo) Aleix ha agevolmente guadagnato l’accesso diretto alla Q2 nella quale, come sempre in questo appuntamento giapponese, ha battagliato coi migliori per le primissime posizioni, a conferma di una raggiunta competitività. Nel turno decisivo, caratterizzate da pista umida che a tratti presentava tracce più asciutte, Aleix ha sfruttato la confidenza conquistata con la sua Aprilia e nel giro decisivo ha fermato il crono su 1'53.947 che gli ha fatto guadagnare la quarta casella, e la seconda fila, nella partenza di domani. Mai, nella storia della MotoGP, una Aprilia è partita così avanti. E’ un risultato che premia la bravura di Aleix e il lavoro del reparto corse italiano che, in tutta la stagione, ha lavorato allo sviluppo della RS-GP, la moto più giovane di tutta la griglia.



"Sono sicuramente soddisfatto, non solo della qualifica ma di tutto il weekend fino ad ora. In ogni sessione siamo stati competitivi e abbiamo dimostrato di avere un gran passo sul bagnato - osserva il catalano -. Le qualifiche sono state impegnative, la pista in condizioni miste non è certo la situazione ottimale per noi. In ogni caso sono riuscito a conquistare una buona posizione di partenza, la migliore per Aprilia in MotoGP e di questo devo ringraziare tutto il team. Dobbiamo continuare così , per quanto mi riguarda la scelta della gomma nel caso di pista molto bagnata non è un problema. Mi auguro ci sia pioggia domani, condizione nella quale abbiamo dimostrato di poter essere estremamente veloci e costanti. Se guardiamo alle sessioni di prova siamo nel gruppo che si gioca le prime posizioni, ma la domenica tutto può succedere. Tanti piloti in difficoltà oggi, come Rossi e Viñales, in gara saranno della partita".