Marquez: "Lorenzo? Avevo chiesto un compagno forte, ma non così forte"

Il campione del mondo scherzo sull'arrivo del maiorchino in Honda nella prossima stagione. Lorenzo: "Con la Ducati possiamo lottare per risultati importanti"

TiscaliNews

Il presente è Ducati, il futuro è Honda. Lorenzo arriva al Gp della Catalogna con la voglia di ripetere quanto di buono ha fatto vedere nel Gp d'Italia. Speranza condivisa da quelle che è ancora la sua scuderia: la Ducati. Il divorzio con la spagnolo è già stato ufficializzato ed è già stato scelto il sostituto, Danilo Petrucci, ma la casa di Borgo Panigale spera di vedere anche in Catalogna il doppio podio conquistato al Mugello.

Lorenzo: "Possiamo lottare per risultati importanti"

"La vittoria del Mugello ha confermato tutto ciò che credevo fin dall'inizio della stagione e che ho ripetuto molte volte: non eravamo così lontani dall'essere competitivi e vincenti - ha detto Lorenzo -. Ora abbiamo una chiara linea da seguire e ogni volta mi sento meglio con la mia moto, per cui Montmeló sarà un'altra buona occasione per confermare che possiamo lottare per risultati importanti".

Marquez: "Avevo chiesto un compagno forte, ma non così forte"

Il podio resta l'obiettivo minimo di Marquez chiamato a difendere la vetta della classifica della MotoGp. Il campione del mondo in carica è soddisfatto del grip offerto dal nuovo asfalto della pista di Montmelò "anche se le vetture di F1 hanno già iniziato a rovinarlo, creando dei sobbalzi in alcuni punti di frenata". Ma Marquez ha parlato anche dell'arrivo di Lorenzo. "Avevo chiesto un compagno forte, ma non lo volevo così forte - ha detto il centauro della Honda a Motorsport.com -. Parlando seriamente, questa sarà un'altra grande sfida. Jorge sarà un compagno di team con 5 mondiali, tanta esperienza e arriverà dopo aver guidato altre moto. Arriva qui in un progetto vincente quindi sarà interessante".

Dovizioso: "Stiamo lavorando bene e che siamo veloci"

Non sarà facile vincere il Gp della Catalogna, settima prova del motomondiale, ma anche Dovizioso promette battaglia. "Nelle ultime tre gare ci siamo giocati la vittoria su tre piste completamente differenti - ha detto 'Dovi' - e quindi so che stiamo lavorando bene e che siamo veloci. Nel test di Barcellona, ma anche in quello del Mugello, eravamo stati leggermente più lenti dei nostri rivali, ma in MotoGp è chiaro che il tempo sul giro singolo non è così importante".

Rossi: "La pista riasfaltata è un vantaggio per la Yamaha"

C'è poi Valentino Rossi, attualmente secondo nella classifica mondiale con 23 punti di svantaggio da Marquez. "Credo che il potenziale della nostra moto sia superiore rispetto all'Italia - ha detto il 'Dottore' - e poi nell'ultimo test in Spagna avevamo trovato qualcosa. La pista è stata riasfaltata e questo è un vantaggio per la Yamaha. Abbiamo sofferto su alcuni circuiti, ma dobbiamo rimanere concentrati, non arrenderci e cercare di guadagnare punti".