Porta in faccia a Lorenzo, Ducati: "Stiamo già parlando con il nuovo pilota"

L'ad Domenicali: "E' un grande che non è riuscito a trarre il meglio dalla nostra moto". Petrucci in pole per sostituirlo.

Porta in faccia a Lorenzo, Ducati: 'Stiamo già parlando con il nuovo pilota'
TiscaliNews

Avanti con Dovizioso, ma senza Lorenzo. La linea della Ducati per il futuro è tracciata. Nelle ultime due settimane prima c'è stato il rinnovo di "Dovi" e poi la chiusura definitiva con l'ex Yamaha. "Lorenzo è un grande pilota che non è riuscito a trarre il meglio dalla nostra moto. Una moto che ha grandi punti di forza e qualche punto di debolezza, purtroppo né lui né i tecnici sono riusciti fino ad oggi a far rendere al massimo il suo talento. Questa è una punta di amarezza che ci rimane". Lo ha detto Claudio Domenicali, ad di Ducati.

Il nuovo centauro di "Borgo Panigale"

Il mancato rinnovo dell'ex campione del mondo pone due interrogativi. Il primo è: chi sarà il prossimo compagno di Andrea Dovizioso? E dove correrà Lorenzo? Domenicali ha risposto alla prima domanda senza però dare il nome del nuovo centauro di "Borgo Panigale". "Sarà un pilota con cui stiamo parlando e che porterà sicuramente la squadra a lavorare in modo equilibrato e congiunto. Diciamo che Dovizioso è certamente il pilota su cui puntiamo le nostre carte", ha detto Domenicali. Il candidato numero uno potrebbe essere Danilo Petrucci, che attualmente sta facendo bene in Team Pramac e ambisce a una Ducati ufficiale.

La Suzuki non vuole Lorenzo

E Jorge Lorenzo? Da tempo si vociferava di un passaggio in Suzuki al posto di Andrea Iannone. La scuderia nipponica però ha rinnovato per due anni il contratto di Alex Rins e ora punta su Joan Mir, il campione del mondo della Moto3. Il disegno di Davide Brivio, attuale team manager della Suzuki, è quello di puntare su giovani di qualità senza fare follie negli ingaggi. Più affascinante che concreta l'ipotesi di vedere Lorenzo al posto di Dani Pedrosa in Honda. Secondo alcune indiscrezioni potrebbe tornare in Yamaha ma non nella squadra ufficiale che ha confermato sia Rossi che Maverick Viñales. Per Jorge c'è il team satellite di Marc VDS.