La favola di Valentino Rossi continua: firmato il contratto. La sfida dopo l'addio

Il manager Pernat: "E' ufficiale, ha già firmato". Per il "Dottore" un rinnovo per il 2019, con opzione per il 2020. La VR46 sarà team semiufficiale della Yamaha

La favola di Valentino Rossi continua: firmato il contratto. La  sfida dopo l'addio
©Getty Images
di Sportal.it

Nel corso della trasmissione televisiva Paddock, il manager della MotoGp Carlo Pernat ha assicurato che Valentino Rossi ha già firmato un contratto con la Yamaha fino al 2019, con opzione per il 2020. "Lo sviluppo della moto lo porterà avanti Valentino, la Yamaha tra l’altro si è sposata con Valentino. Per il 2019 ha già firmato, poi c’è l’opzione per il 2020, questa posso darla già come notizia ufficiale".

La VR46 diventerà team semiufficiale Yamaha

"Senza contare che quando finisce farà la VR46 con Moto3, Moto2 e MotoGP, avrà la moto ufficiale Yamaha e dovrà stare molto attento Herve Poncharal perché a quel punto sparirà quel team (Tech3, ndr) e la VR46 diventerà team semiufficiale della Yamaha", ha aggiunto.

L'errore di non aver lasciato l'Aprilia

Poi svela un errore fatto in carriera: "Io avevo fatto un contratto di tre anni con Valentino Rossi: 1996, ’97 e ’98. Alla fine del '97 è venuto da me e ha detto di volere come capotecnico Brizzi. Mi aveva proposto di lasciare Aprilia e fare il team manager. Ma da responsabile dell'Aprilia non potevo lasciare… Ma col senno di poi l’avrei fatto. E’ stato uno dei miei più grossi errori della mia vita".