Simone Corsi: "Non vedo l'ora di cominciare"

Simone Corsi: 'Non vedo l'ora di cominciare'
©Tasca Racing
di Sportal.it

Su il sipario. La stagione 2018 apre i battenti alla Moto2 e a Tasca Racing con i primi test IRTA di Valencia, dove domani 6 Febbraio inizierà una tre giorni che rappresenta di fatto l'inizio ufficiale del nuovo anno.

Le basse temperature previste sul circuito Ricardo Tormo, scenario che lo scorso novembre ha offerto un assaggio della line up 2018 del Team con due giornate di test, non ostacoleranno il lavoro di Tasca Racing orientato principalmente a perfezionare il setting per Simone Corsi e Federico Fuligni.



L'appuntamento di Valencia precede di pochi giorni la seconda tornata di test a Jerez de la Frontera del 12-13-14 Febbraio ed è suddiviso in tre turni che mettono a disposizione più di tre ore e mezza di prove giornaliere.

Simone Corsi e Federico Fuligni, che hanno approfittato dei mesi di pausa per portare al top la condizione fisica, possono finalmente iniziare a dare gas alle loro Kalex e a lavorare fianco a fianco con le proprie squadre guidate rispettivamente da Lucio Nicastro e Manolo Zafferani, al fine di sfruttare al meglio tutto il potenziale del pacchetto tecnico messo a disposizione dal Team Principal Enrico Tasca per vivere una stagione da protagonisti. 



"Sono contento che dopo più di due mesi di stop si possa tornare in pista e cominci di fatto la nuova stagione - ha detto Corsi -. Questo per me sarà il sedicesimo anno di mondiale ma sono sempre emozionato e motivato. La preparazione invernale è andata bene e ho lavorato duro per arrivare già ai primi test in ottima forma. Abbiamo nove giorni di prove prima del Qatar, quindi sarà importante lavorare bene nei prossimi giorni per essere veloci fin dal primo appuntamento della stagione".



"Dopo un periodo di pausa nel quale ho alternato riposo ed allenamento finalmente si inizia questo nuovo anno – ha aggiunto Fuligni -. Non ne potevo più di questa astinenza da moto, non riesco a stare senza, e in più sono molto contento di iniziare a lavorare in pianta stabile con la nuova squadra. A differenza dei test di novembre che per me sono durati una sola giornata, ora possiamo sfruttare queste settimane per trovare un buon setting e per conoscerci meglio".