Hawaii, le onde spettacolari di Pe'ahi per il Big Wave Tour

Codice da incorporare:
di Askanews

Pe'ahi, Hawaii (askanews) - La tempesta perfetta per l'onda perfetta. La seconda tappa del Big Wave Tour della World Surf League ha fatto scalo alle Hawaii radunando l'olimpo del surf internazionale, campioni lanciati a cavalcare onde assolutamente spettacolari a Pe'ahi, sulla costa settentrionale dell'isola di Maui, la seconda più grande dell'arcipelago hawaiano.È stato Jack London, cercatore d'oro, marinaio, vagabondo delle stelle, pugile, pescatore clandestino di ostriche, cacciatore di foche, reporter di guerra e grande romanziere, l'autore di "Martin Eden" e di "Zanna Bianca", a raccontare a tutto il mondo, in "La crociera dello Snark" nel Mari del Sud, le meraviglie del surf, sport iniziatico e regale dei guerrieri polinesiani, quel correre folle e inebriante sul dorso ribollente delle onde, su "quell'accavallarsi di spuma e di un bianco ribollire, sulla cresta instabile, vorticosa, che crolla, impende e ricade", come scrisse, primo e impareggiabile, lo stesso London.Non stupisce quindi che due enfants du pays, Ian Walsh e Paige Alms, abbiano vinto nelle rispettive categorie maschile e femminile la seconda tappa hawaiana del Big Wave Tour.UPS 1 "Tutti hanno surfato molto bene" riconosce cavallerescamente Walsh, "è stato un piacere stare in acqua con loro. Era appassionante osservare ogni manche mentre le onde diventavano sempre più grandi e più belle. Sembrava di vivere una di quelle giornate di surf davvero epiche. Mi sento gratificato e felice".Sulla stessa lunghezza d'onda, è il caso di dire, anche la vincitrice del trofeo femminile. UPS 2 "Valutavamo con ansia le previsioni meteo" spiega la Page, "chiedendoci se sarebbe stata una buona giornata. Alla fine, si è rivelata uno spettacolo straordinario. Grazie Pe'ahi".E grazie anche a Jack "the Wolf" London per averci fatto conoscere, e amare, il surf.