Il "Re Leone" Cipollini a processo per stalking contro la ex moglie. Ma ci sono anche le presunte botte alla sorella

L'ex ciclista dovrà presentarsi in aula il prossimo 28 marzo. A luglio inizierà l'altro processo per lesioni e minacce nei confronti della congiunta

Cipollini accanto alle sue biciclette
TiscaliNews

Il declino dell'ex campione passa attraverso il processo che Mario Cipollini, l'ex campione del mondo di cliclismo, dovrà affrontare dopo le denunce per atti persecutori e matrattamenti avanzate dalla ex moglie, Sabrina Landucci. Un rinvio a giudizio, quello deciso dal gup di Lucca, fissato per il 28 marzo, che arriva a poche settimane da un altro avvio di processo per il "Re Leone", in quel caso accusato dalla sorella di lesioni e minacce. 

La denuncia contro Cipollini era stata presentata in questura il 9 gennaio 2017. I fatti contestati risalirebbero al periodo compreso tra il dicembre del 2016 e il gennaio del 2017.

Le accuse

Come si legge nella richiesta di rinvio a giudizio, il ciclista avrebbe compiuto "una serie di atti lesivi dell’integrità fisica e psichica dell’ex moglie con pugni, schiaffi, calci, con lesioni e minacce di morte". L'episodio più grave, secondo l’accusa, sarebbe accaduto il 6 gennaio del 2017 quando la donna sarebbe stata aggredita dall'ex coniuge davanti ai colleghi del centro sportivo dove lavora, afferrandola per il collo e sbattendole la testa contro il muro.

Dopo essere andata in ospedale e aver ricevuto una prognosi di 7 giorni, ha poi deciso di presentare denuncia alle forze dell'ordine. Sempre nel documento di richiesta di rinvio a giudizio, sono riportate anche alcune minacce che l'ex campione avrebbe avanzato nei confronti della ex. "Ti spacco tutto, ti ammazzo, sentirai il rumore delle ossa quando si spezzano", avrebbe detto in preda all'ira. 

Il processo per maltrattamenti contro la sorella

A luglio invece "Re Leone" dovrà comparire in aula per difendersi in dibattimento dalle accuse degli inquirenti cittadini che hanno ottenuto il rinvio a giudizio in un altro procedimento giudiziario a suo carico dove è accusato di lesioni e minacce nei confronti della sorella. Sempre secondo gli inquirenti, l'ex ciclista avrebbe afferrato la donna ai polsi con forza e l'avrebbe percossa al torace. Mentre la percuoteva - è sempre la ricostruzione dell'accusa - Cipollini avrebbe anche minacciato lei e altri componenti della famiglia. Accuse gravi delle quali l'ex campione dovrà rispondere davanti al giudice.