Luna Rossa sta per solcare ancora una volta il mare, la grande attesa è finita. Ed è già tempo di emozioni

Finalmente lo scafo italiano scende in mare. Il varo dell'Ac75, l'imbarcazione che parteciperà alla prossima America's Cup, si terrà il 2 ottobre a Cagliari

dida:
Codice da incorporare:
di Paolo Salvatore Orrù

Le onde l’aspettano: Luna Rossa sta per solcare ancora una volta il mare. La notizia è ormai ufficiale: il varo dell'Ac75, l'imbarcazione che parteciperà alla prossima America's Cup si terrà il 2 ottobre a Cagliari. Teatro della discesa in acqua del nuovo modello sarà il molo Ichnusa.  L'appuntamento è fissato per le 15.30. E questa volta non ci saranno rinvii. La prima dell'Ac75 era stata prevista all'inizio per il 25 agosto, poi per il 9 settembre. Poi un nuovo slittamento.

I segreti della barca

Max Sirena, skipper di Luna Rossa, aveva spiegato i motivi: nessun vantaggio agli avversari con la scoperta anticipata dei segreti della barca. La Ac75, arrivata a Cagliari nelle scorse settimane, è nell'hangar della cittadella in porto: il team da allora ha continuato a lavorarci sopra per renderla competitiva e vincente sin dalle prime prove, le World Series che si svolgeranno a Cagliari dal 23 al 26 aprile 2020. L'obiettivo è chiaro: vincere la America's cup nella sfida finale in Nuova Zelanda nel 2021. C’è grande attesa, non solo per il varo ma anche per l’appuntamento del 23 aprile. I quattro giorni di regata in Sardegna il prossimo aprile vedranno l’isola ospitare il primo evento competitivo dei rivoluzionari monoscafi volanti AC75 al momento in costruzione presso i team – il Defender dell’America’s Cup Emirates Team New Zealand, il Challenger of Record Luna Rossa Prada Pirelli Team (ITA), INEOS Team UK (GBR), NYYC American Magic (USA) e Stars + Stripes Team USA.

Cagliari sede perfetta

A rappresentare Luna Rossa Prada Pirelli Team – che ha la sua base a Cagliari - Vasco Vascotto, grande velista italiano, il quale ha confermato che Cagliari sarà̀ la sede perfetta per le prime sfide a bordo degli AC75. “La Sardegna è rinomata per essere un campo di regata eccellente”, ha detto Vasco. “Questa è una delle ragioni per cui abbiamo scelto l’isola come base per la nostra sfida alla 36^ America’s Cup. Non vediamo l’ora di dare il benvenuto agli altri team e ai fan delle America’s Cup World Series per quella che, siamo sicuri, sarà̀ una spettacolare tappa inaugurale”. Sarà senza dubbio così.

Il tempo tiranno

Kevin Shoebridge, COO del Defender Emirates Team New Zealand aveva sottolineato l‘importanza della tappa in Sardegna delle ACWS. “Come in tutte le regate ci saranno team che usciranno soddisfatti e altri no”, ha dichiarato Shoebridge, “l’aspetto fondamentale di questo evento è che darà un’idea molto chiara della fase in cui i team sono con la loro progettazione e con la preparazione per l’evento principale nel 2021. “Essendoci solo otto mesi tra le regate in Sardegna e l’inizio della Prada Cup e dieci mesi all’America’s Cup Match, il tempo che i team hanno per apportare modifiche e incrementare le prestazioni delle loro imbarcazioni è davvero limitato". E per questo occorrerà lavorare con molta lena.

Le new entry

Il 7 giugno Luna Rossa ha confermato due importanti new entry per il sailing team di Luna Rossa Prada Pirelli: Ruggero Tita e Romano Battisti. Il velista Ruggero Tita, atleta azzurro del Gruppo Polisportivo Fiamme Gialle, 26 anni originario di Trento, ha raccolto risultati di rilievo a livello internazionale, rappresentando l’Italia alle Olimpiadi di Rio 2016, nella classe 49er. E’ attualmente in corsa per i prossimi Giochi 2020. Dopo le prove olimpiche, Tita si è concentrato sul Nacra 17 Full Foiling dove, in coppia con Caterina Banti, lo scorso anno si è laureato Campione del Mondo, Campione Europeo e ha vinto la finale della Sailing World Cup a Marsiglia. Collabora con il team Luna Rossa Prada Pirelli per approfondimenti tecnici riguardanti la navigazione in modalitá foiling. Battisti, 33 anni, canottiere di Priverno (LT), è stato vincitore della medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra 2012 e poi quarto, in coppia con Francesco Fossi, a Rio 2016, è stato anche Medaglia di bronzo nel quattro di coppia agli Europei di Račice 2017.