Coppa del mondo di Triathlon: dominio inglese. A Cagliari vince Brownlee, tra le donne si impone Coldwell

Sventola la bandiera britannica sulla quarta edizione cagliaritana della tappa italiana della ITU World Cup di triathlon: il due volte campione olimpico tra gli uomini e la connazionale sono stati i grandi protagonisti della giornata tra nuoto, bici e corsa.

Coppa del mondo di Triathlon: dominio inglese. A Cagliari vince Brownlee, tra le donne si impone Coldwell
di Paola Pintus

 La  tappa italiana della ITU World Cup per la quarta volta a Cagliari, premia il Regno Unito nelle discipline maschile e femminile e  conferma la piazza sarda come location ideale per il grande dal triathlon mondiale con un campo di gara sfidante e apprezzato.

Azzurri fino all'ultimo nel gruppo di testa

Ma il piazzamento finale non rispecchia gli auspici del pre-gara. Ad aprire la competizione nel fantastico scenario del lungomare Poetto è stata la sezione femminile, che ha visto al primo posto la britannica Sophie Coldwell, con un tempo di 57’57” subito seguita dalla tedesca Nina Eim che chiude con undici secondi di scarto con un tempo di 58’08”. Completa il podio la belga Valerie Barthelemy, terza con 58’09”. Tra le azzurre si segnala in undicesima posizione Ilaria Zane con un tempo di 59’12”, al dodicesimo la giovane Beatrice Mallozzi, esordiente alla sua prima World Cup, che taglia il traguardo con un tempo di 59’16”, mentre al quindicesimo posto troviamo Giorgia Priarone con un tempo di 59’17”. 

Tra gli uomini pronostico rispettato

Sul podio più alto sale il due volte campione olimpico Alistair Brownlee che taglia il traguardo in 52’02”, seguito dal tedesco Justus Nieschlag con un tempo di 52’03”, mentre sul gradino più basso del podio troviamo lo statunitense Kevin McDowell con un tempo di 52’14”. Nella top 10 troviamo l’azzurro Davide Uccellari, decimo con 52’58”. Il resto della squadra azzurra piazza al ventunesimo posto Matthias Steinwandter a 53’14”, Gregory Barnaby al ventisettesimo posto con 53’38” e Delian Stateff 53’50”. "L'anno scorso era stata una bella sorpresa finire terzo", spiega Davide Uccellari per la terza volta a Cagliari. "Sono uscito fra i primi nel nuoto però ho speso molte energie per stare nel gruppo di testa. E' stata dura soprattutto nel tracciato in bici in pianura, dove c'erano davvero tante cuve. All'ultimo chilometro ho pagato il conto perdendo la  quinta posizione, ma va bene essere nella top dieci". 

Organizzazione perfetta

“Ancora una grande giornata di sport qui a Cagliari. Per questa quarta edizione della World Cup, abbiamo dovuto correre per cambiare location e data, ma Sandro Salerno, direttore dell'organizzazione, ha sempre un concreto piano B che si è rivelato perfettamente riuscito – afferma Luigi Bianchi, Presidente della Federazione Italiana Triathlon - La gara ha cambiato caratteristiche rispetto alle edizioni precedenti: pur senza difficoltà altimetriche, il tracciato è stato esigente, con curve secche e rilanci. La volontà è di continuare a portare la Coppa del Mondo a Cagliari, per dare seguito ad una tappa ormai diventata una classica del circuito internazionale, molto attesa dal triathlon italiano e dagli atleti stessi. Per quanto riguarda i colori italiani, non possiamo lamentarci: abbiamo visto buone prestazioni da Uccellari e Zane, i primi italiani al traguardo, un ritorno di Steinwandter, una buona rimonta di Priarone e un consistente debutto della giovane Mallozzi"

I prossimi appuntamenti

 "Ora guardiamo avanti e diamo appuntamento al prossimo anno, una stagione importante che porterà ai Giochi Olimpici di Tokyo.” “È stata una giornata all’insegna dell’agonismo e dello sport di alto livello che conferma la vocazione outdoor della destinazione Sardegna - ha dichiarato Sandro Salerno, General Manager del Comitato Organizzatore Locale - Una piazza sempre più matura e consapevole dove tutti partecipano alla buona riuscita dell’evento. Un obiettivo generale e condiviso del quale siamo felici. Perché un’organizzazione così complessa ha trovato a Cagliari un campo di gara privilegiato ed accogliente, anche con la nuova location dell’area del Poetto di questo quarto anno consecutivo, che ci porta ad affermare senza timore d’essere smentiti che la kermesse del Triathlon è stata premiata dal grande successo riscosso. Chiudiamo questa edizione con la soddisfazione per aver fatto sold-out di adesioni da parte dei grandi campioni provenienti da tutto il mondo, dai quali abbiamo ricevuto feedback entusiastici perché amano competere in questi percorsi, al contempo suggestivi e altamente performanti.”