La Dinamo non si ferma, travolta Brindisi, Sassari avanti nei playoff scudetto

inisce 89-73 per un Banco meraviglioso e lunedì si replica ancora a Sassari. Per i biancoblu è diciassettesima vittoria consecutiva

La Dinamo non si ferma, travolta Brindisi, Sassari avanti nei playoff scudetto
di S.L.

La Dinamo non si ferma più ed entra di prepotenza nei playoff scudetto. In un PalaSerradimigni tutto esaurito e colorato di bianco e blu, gli uomini di Pozzecco non sbagliano lo spartito e mettono in scena una prestazione super. Brindisi cade sotto i colpi di Spissu e compagni. Finisce 89-73 per un Banco meraviglioso e lunedì si replica ancora a Sassari. 

Sassari parte con Smith, Pierre, Carter, Thomas, Cooley. Vitucci risponde Banks, Chappell, Moraschini, Gaffney, Brown. Thomas-Chappell aprono le marcature dopo 2’, la difesa biancoblu regge bene e il Banco si porta subito sul +4. Brindisi dalla lunetta resta a contatto, la Dinamo corre, lavora bene a rimbalzo e tiene alto il ritmo ma è poco precisa in fase offensiva, Gaffney cecchino dall’arco, primo vantaggio ospite (14-15 al 7’). Coach Pozzecco fa ruotare i suoi, si accende Jack Cooley che manda a segno otto punti, la prima frazione si chiude sul 25-19

La Dinamo prova l'allungo

Moraschini prova subito a ricucire lo strappo, il Banco aumenta l’intensità difensiva con Gentile, Thomas e Polonara costruiscono il primo vero allungo del match, +9 dopo 14’. Dinamo a trazione italiana, Brindisi costruisce un parziale di 7-0 e costringe al timeout la panchina biancoblu. Zanelli firma la parità sul 34-34, è sfida al tiro da tre tra Polonara e Moraschini, si accende il match nei minuti che precedono l’intervallo, Cooley realizza,Polonara prezioso anche a rimbalzo, si va negli spogliatoi sul 42-38

Brindisi riparte forte

Dyshawn Pierre prova a dare la scossa, canestro e fallo subito, è il terzo personale di Brown, 46-44 al 22’. Duello nel pitturato tra Cooley e Brown, pesano le palle perse (già 12), coach Pozzecco decide di pensarci su. Chappell e Moraschini impattano da 3, la Dinamo reagisce: Pierre “di tabella”, rubata di Spissu, tap-in vincente di Gentile, 53-52 al 26’. Decisivo ancora una volta il trio italiano: Spissu, Gentile e Polonara portano energia e punti in campo, la tripla di Pierre completa l’opera, nuovo +9 (63-54).

L'allungo decisivo

I giganti reggono bene l’urto avversario e tengono saldo il solido vantaggio, al 30’ Banks chiude sul 67-59. Sale in cattedra Dyshawn Pierre il tuttofare, la tripla del canadese vale il +11, Stefano Gentile specialista difensivo, Brindisi tenta di rientrare ma il Banco lavora bene sotto le plance. La coppia Spissu-Pierre fa la differenza e a 1’30’’ dalla fine i giganti si ritrovano sull’86-70, Smith sigilla il risultato, finisce 89-73. Decima vittoria consecutiva in LBA, diciassettesimo risultato utile di fila, il Banco dei record si porta sull'1-0 nella serie, lunedì al PalaSerradimigni la gara2.

 Sala stampa

Coach Vitucci:"Sassari ha vinto con merito, quando potevamo girare l’inenzia non abbiamo saputo sfruttare il momento, siamo stati troppo nervosi nelle scelte, sono convinto che lunedì giocheremo un’altra partita". Coach Pozzecco:"Siamo alle solite, sono di nuovo qua a ringraziare i miei ragazzi, più di altre volte perché è una partita di playoff e colgo l’occasione per fare i complimenti a Brinidisi che ha giocato una partita straordinaria. Diciassette di fila è qualcosa di estremamente importante”. Dyshawn Pierre:"Credo sia stata una partita tosta, fatta di alti e bassi, noi abbiamo subito inizialmente ma siamo stati bravi a non disunirci nei momenti che contavano quando è salita l'intensità. Siamo pronti a gara2”.

 I tabellini.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 7, Smith 3, McGee ne, Carter 4, Devecchi, Magro ne, Pierre 21, Gentile 11, Thomas 15, Polonara 12, Diop ne, Cooley 16. All: Gianmarco Pozzecco

 Happy Casa Brindisi: Banks 18, Brown 12, Rush 6, Gaffney 12, Zanelli 2, Orlandino ne, Guido ne, Moraschini 15, Greene IV, Cazzolato, Chappell 8, Taddeo ne. All: Francesco Vitucci