Il dolore della moglie di Kobe: "Io e le mie figlie siamo completamente devastate"

Vanessa Laine Bryant rompe il silenzio: "Era un meraviglioso padre dei nostri figli e Gianna una figlia amorevole". L'ultimo selfie del campione NBA

Il dolore della moglie di Kobe: 'Io e le mie figlie siamo completamente devastate'
di Redazione Tiscali Sport

"Io e le mie figlie siamo completamente devastate". La dolorosa confessione di Vanessa Laine, moglie di Kobe Bryant, è affidata al profilo Instagram. Il 26 gennaio il campione dell'Nba è morto nell'incidente in elicottero insieme alla figlia di 13 anni Gianna Maria (e ad altre sette persone) e Vanessa ha perso "il meraviglioso padre dei nostri figli" e  "la mia bella e dolce Gianna, una figlia amorevole, generosa e una meravigliosa sorella per Natalia, Bianka e Capri".

"Grazie per tutte le preghiere" 

"Io e le mie ragazze vogliamo ringraziare milioni di persone che hanno mostrato sostegno e amore durante questo periodo orribile. Grazie per tutte le preghiere. Ne abbiamo sicuramente bisogno", ha aggiunto Vanessa, che aveva sposato il giocatore di basket nel 2001. La signora Bryant ha voluto rivolgere il suo pensiero anche alle famiglie delle altre sette vittime dell'incidente. "Siamo distrutte per le famiglie che hanno perso i loro cari domenica e condividiamo il loro dolore. Non ci sono parole per descrivere la nostra sofferenza in questo momento", ha scritto.

"Ci sono stati portati via troppo presto"

"Non ci sono abbastanza parole per descrivere il nostro dolore in questo momento. Mi conforta il pensiero che Kobe e Gianna sapessero entrambi di essere amati profondamente. Siamo incredibilmente fortunati ad averli avuti nelle nostre vite. Vorrei fossero con noi per sempre. Sono i nostri meravigliosi doni del cielo che ci sono stati portati via troppo presto. Non sono sicura di quello che ci riserverà la vita, perché è impossibile immaginare cosa sarà senza di loro. Ma ci svegliamo ogni giorno cercando di farcela, con Kobe e la nostra piccola Gigi che ci illuminano la via. Il nostro amore per loro è senza fine, incommensurabile. Vorrei poterli abbracciare, vorrei poter dare loro un bacio. Averli con noi, per sempre. Grazie per aver condiviso con noi il vostro dolore e il vostro supporto. Chiediamo il rispetto e la privacy di cui avremo bisogno per navigare questa nuova realtà".

L'ultima immagine di Kobe vivo

Nessuno immaginava che il selfie sfuocato scattato da un giovane fan sabato alla "Mamba Sports Academy" fosse forse l'ultima immagine di Kobe. Black Mamba ha trascorso il giorno prima dello schianto giocando nell'accademia di basket che ha fondato nel 2018. Secondo quanto racconta il New York Times, il 13enne Brady Smigiel ha scattato un selfie con Kobe. Brady e Shane Rosenthal giocano per il Team Edge, e si sono presentati prima della loro partita per assistere al riscaldamento dei Mambas e seguire in particolare la figlia del campione, Gianna. Mentre Blake Rosenthal, 15 anni, ha girato un video postato TikTok che mostra Bryant scherzare e sorridere a bordo campo, filmato che ora ha superato le 400 mila visualizzazioni.