Tiscali.it
SEGUICI

Vince Milano, ma i Giganti chiudono in trionfo

di DinamoBasket   
Vince Milano, ma i Giganti chiudono in trionfo

TagsDinamoL’Olimpia Milano è la prima finalista Scudetto battendo 3-0 la Dinamo, che si inchina in gara 3 dopo aver lottato alla pari per 25 minuti. Sassari fa un grande sforzo per restare attaccata al match, Milano trova protagonisti diversi, Shields e Napier sono micidiali, DaTome propizia il definitivo break, il Banco si inchina e deve arrendersi allo strapotere della squadra di Messina. Miglior in campo per la Dinamo Robinson e un super Stephens.

DINAMO – MILANO 61-93 (16-22 /36-41/ 53-66)

MVP Shields è l’uomo dei momenti chiave, è il faro di Milano, a turno Napier, Voigtmann e Datome lo spalleggiano, Gigi spezza il match con il break decisivo

CHIAVI DEL MATCH Il ritmo di Milano e la capacità di trovare protagonisti diversi all’interno della partita soprattutto quando la Dinamo sorpassa nel 3° quarto.

PREVIEW

Dopo l’occasione mancata in gara 2 la Dinamo con le spalle al muro prova ad allungare la serie di semifinale Scudetto contro l’Olimpia Milano. La squadra di Bucchi davanti al tutto esaurito del PalaSerradimigni cerca l’impresa per tornare di nuovo in campo a Sassari sabato sera. Bucchi alla partita numero 101 in carriera nei playoff, mentre Bendzius ha superato 2000 punti nella storia del Banco, diventando il 3° marcatore di tutti i tempi.

START

Messina decide di lasciare fuori Pangos dalle rotazioni e schierare Devon Hall, al debutto nella serie. Bucchi parte con lo stesso quintetto delle prime due con Dowe da playmaker, Kruslin da guardia, Jones da ala piccola, Bendzius da ala forte e Stephens come centro. L’Olimpia con Napier in cabina di regia, Baron come guardia tiratrice, Shields da numero 3, Melli e Voigtmann dentro l’area.



APPROCCIO FIRMATO MILANO

Milano parte fortissimo, tripla di Voigtmann e gioco da 3 punti di Napier usando molta pazienza. La Dinamo fatica ad entrare in partita, Melli inchioda la schiacciata dell’8-0. Dowe prova a mettersi nel match insieme a Stephens, l’Olimpia è chirurgica e non sbaglia un colpo, Bucchi costretto al time out dopo 3 minuti e mezzo (4-13 e 5/5 dal campo)

La Dinamo ci mette grande cuore ed energia, Stephens è fondamentale, ma Voigtmann è pazzesco, fa sempre la scelta giusta (8-15). Jones stecca il primo quarto, il Banco non riesce a sfruttare la transizione quando recupera il pallone, Milano è molto attenta e lucida, debutto nella serie per Hall.

Milano è mostruosa al tiro, la Dinamo però non vuole essere vittima designata, Stephens ancora con un gioco da 3 punti (13-18). La squadra di Bucchi non vuole mollare, la stoppata di Raspino su Datome con tripla di Gentile manda in visibilio il PalaSerradimigni, il Banco nonostante il grande primo quarto dei milanesi rimane clamorosamente in scia. Sassari vuole forzare il ritmo quando può pur prendendosi dei rischi, Robinson commette il 2° fallo su tiro da 3 punti di Hall, Milano riesce a chiudere primo quarto sopra 16-22 con 9 punti di Napier e 7 punti di Voigtmann, Stephens è strepitoso con 7 punti e 10 di valutazione.

LA DINAMO RESISTE IN TUTTI I MODI

Milano cerca di attaccare i punti deboli di Sassari, che cerca alternative offensive, il Banco fa fatica a segnare e a trovare tiri puliti, l’Olimpia ti cucina per costringerti all’errore forzato, Dowe dalla lunetta spezza il break ospite (19-26). La Dinamo ha la grande forza di non mollare mai anche nel momento di massima difficoltà, la penetrazione di Kruslin costringe Messina al time out (21-26 con Sassari 1/10 da 3p).

Shields realizza un canestro solo di talento, Treier si sblocca una bomba fondamentale, Voigtmann è un cliente durissimo a rimbalzo, Milano sfrutta ogni errore di Milano e punisce in contropiede (26-32). Shields picchia forte in attacco, il miglior Robinson dei playoff vuole tenere in vita la Dinamo, Treier sbaglia la bomba del -1, ma la squadra di Bucchi è stoica e non molla mai. Il folletto di Nashville entra in gas, gli arbitri non fischiano più nulla, Shields segna da 3 punti praticamente allo scadere (36-41)

LA DINAMO SORPASSA, MA MILANO FA IL BREAK

Dinamo carica a testa bassa, Dowe e Bendzius firmano il sorpasso (42-41) ma Shields risponde da grande campione con due triple che spezzano l’inerzia di Sassari (42-47). Milano fa sempre canestro, Bendzius e Dowe ancora loro tengono la Dinamo a contatto (47-50). Napier prende per mano l’Olimpia che vuole staccarsi, il livello è altissimo, Sassari dà tutto ma perde il filo complice il micidiale cinismo di Milano (47-55). Tutto da rifare per la squadra di Bucchi che aveva fatto un grande sforzo per rientrare. Il Banco ha bisogno di tutti per riuscire a tenere testa a Milano, Bucchi prende tecnico, si accende il confronto, grande nervosismo, la Dinamo torna ancora a -7 ma Datome spacca la partita con due triple al fulmicotone che valgono il massimo vantaggio dell’Olimpia (51-64). A fine 3° quarto Milano ha le mani sulla finale playoff grazie al break di 16-5.

L’ennesima giocata di Napier fiacca che la Dinamo che sembra essere in debito di ossigeno, avendo fatto un grande sforzo in precedenza. Il playmaker di Milano sembra chiudere il discorso prima sul 54-72 poi sul 57-75 con 9 punti consecutivi.

Milano domina nell’ultimo quarto e non si volta più indietro, il finale è impietoso 93-61 ma la Dinamo per lunghi tratti è stata in partita.

 

Sassari, 1 giugno 2023

Ufficio Comunicazione

Dinamo Banco di Sardegna

.

di DinamoBasket   

I più recenti

Basket: Nba. Miami e New Orleans si qualificano per i play-off
Basket: Nba. Miami e New Orleans si qualificano per i play-off
Basket, Petrucci dimesso dopo l'incidente Grazie a tutti
Basket, Petrucci dimesso dopo l'incidente Grazie a tutti
Nba, Lakers vincono su campo New Orleans Pelicans e si qualificano ai playoff
Nba, Lakers vincono su campo New Orleans Pelicans e si qualificano ai playoff
Basket: Reyer Venezia. Matilde Villa scelta al draft Wnba
Basket: Reyer Venezia. Matilde Villa scelta al draft Wnba

Le Rubriche

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...