Tremenda caduta di Aru. Lui si alza e urla: "C... di bici"

Codice da incorporare:
fonte: Corriere tv

«Purtroppo la sfortuna sembra non volermi lasciare in pace in questo 2018». Lo dice uno sconsolato Fabio Aru, caduto quando mancavano una decina di chilometri alla conclusione della 17^ tappa della Vuelta e Espana, battendo violentemente la parte bassa della schiena. Rialzatosi, il corridore dell'Uae Emirates Team ha concluso la frazione con un ritardo di 14'14" e ora è 18° in classifica generale a 22' dal leader Yates. "Nella caduta ho battuto violentemente la parte bassa della schiena e mi sono spaventato perché stavamo scendendo a 70 all'ora - racconta Aru -. Poteva andare molto peggio. Mi spiace per la reazione avuta, ma in quelle situazioni tra adrenalina, dolore e spavento, si perde un po' il controllo, pur sapendo che sono cose che possono accadere in questo sport. Ora vediamo come passerò la notte e poi domani mattina faremo il punto della situazione con lo staff medico e il management del team". La squadra accerterà quale sono state le problematiche della caduta.