Filippo Magnini, caso doping. "Scegliere Porcellini? Lo rifarei"

Codice da incorporare:
fonte: Il Resto del Carlino

L'ex nuotatore azzurro è comparso davanti alla prima sezione del Tribunale nazionale antidoping. Accusato di favoreggiamento, uso o tentato uso e somministrazione o tentata somministrazione di sostanze dopanti per i suoi rapporti con il medico nutrizionista Guido Porcellini, ha potuto raccontare la sua “verità”. “Ho sofferto molto in questo anno e mezzo – ha detto -, non ho mai parlato e ho tenuto il profilo basso”. “Oggi – ha proseguito Magnini – finalmente ho potuto dire la verità”. “Se sceglierei ancora di essere seguito da Porcellini? Sì”, ha risposto a precisa domanda. L'atleta è stato ascoltato per quasi quattro ore dai giudici che hanno deciso di prendersi ulteriore tempo per la decisione: la sentenza è attesa per il 6 novembre.