20 giugno: si alza la prima Fed Cup, Davis al femminile

20 giugno: si alza la prima Fed Cup, Davis al femminile

Il 20 giugno del 1963, sui campi in erba del Queen’s Club di Londra, venne assegnata la prima Federation Cup, la Coppa Davis al femminile.

Quella prima edizione della Coppa Davis al femminile se l’aggiudicarono gli Stati Uniti superando l’Australia in finale.

La manifestazione si svolse in sede unica, quella dello storico circolo inglese, dal 17 al 20 giugno. Il tabellone comprendeva 16 squadre, compresa l’Italia, rappresentata da Lea Pericoli e Silvana Lazzarino.

Le azzurre furono sorteggiate al primo turno proprio contro le statunitensi: la Pericoli cedette in tre set, 6-4 2-6 6-2, a Darlene Hard e la Lazzarino impegnò a fondo Billie Jean King, strappandole il primo set (8-6) per poi cedere 6-1 6-2 le successive partite.

In finale le stesse due americane ebbero ragione delle fortissime australiane: Darlene Hard cedette 6-3 6-0 a Margaret Smith-Court ma la King pareggiò, battendo 5-7 6-0 6-3. Il doppio decisivo (allora si giocava con la formula di due singolari e un doppio) fu una battaglia: King e Hard riuscirono a prevalere su Court-Smith e Turner, per 6-3 11-13 6-3.

 

Diedero così avvio alla storia di una manifestazione che, con il nome abbreviato in “Fed Cup”, è oggi la più grande competizione a squadre dello sport femminile internazionale, coinvolgendo ogni anno più di 100 nazioni. Nel 2019 sono state per l’esattezza 108.

L’Italia ha conquistato il trofeo ben quattro volte grazie alla straordinaria ondata di campionesse che dal 2006 ha portato i colori azzurri nell’élite assoluta del tennis mondiale, sotto la guida di un grande capitano come Corrado Barazzutti.

Il primo storico successo arrivò appunto nel 2006 a Charleroi, quando Francesca Schiavone, Flavia Pennetta, Roberta Vinci, Mara Santangelo e Tathiana Garbin superarono in finale il Belgio della n.1 Justin Henin.

Il raddoppio avvenne nel 2009 quando le azzurre superarono nella finale di Reggio Calabria gli Stati Uniti privi delle sorelle Williams che schieravano Alexa Glatch e Melanie Oudin.

Un successo che l’Italia ripetè l’anno successivo a San Diego, quando Francesca Schiavone e Flavia Pennetta ebbero facilmente la meglio su Coco Vandeweghe e Bettanie Mattek-Sands: era il terzo successo, quello del 2010.

Il poker fu completato nel 2013 a spese però della Russia. La finale giocò a Cagliari e le due singolariste furono Roberta Vinci e Sara Errani, che non fecero sconti a Alexandra Panova e Irina Khromacheva.

L’Italia è così al quinto posto nella graduatoria delle nazioni più titolate nella storia della Fed Cup, dietro a Stati Uniti, Repubblica Ceca, Australia e Spagna, a pari merito con la Russia.