Tiscali.it
SEGUICI

Bandecchi ci ha preso gusto: è nei quarti a Gaiba

di SuperTennis   
Bandecchi ci ha preso gusto: è nei quarti a Gaiba

Se Gaiba è la favola del circuito (unico torneo in erba in Italia e comune più piccolo del mondo a ospitare un evento WTA), Susan Bandecchi è la favola di Gaiba. “Devo ancora realizzare che cosa ho fatto, sono veramente felice”. La svizzera di padre italiano e milanese d’adozione è stata la prima a strappare il pass per i quarti di finale del Veneto Open promoted by Regione del Veneto. Lo ha fatto con un match pressoché perfetto, nel quale ha saputo essere continua abbastanza da disinnescare il tennis elegante, ‘educato’ e propositivo della russa Erika Andreeva. “Sono stata brava soprattutto mentalmente – ha detto Susan al termine dell’incontro – perché non era facile, specie verso la fine del primo set quando ho subito un break stupido e ho rischiato di compromettere quanto di buono avevo fatto fin lì”.

In realtà servizio e risposta l’hanno sempre assistita, dall’inizio alla fine: “Specialmente nel secondo set ho servito molto bene, questo mi ha aiutato molto. Mi sto trovando molto bene sull’erba, ma la cosa non mi stupisce perché già da un po’ di tempo ho buone sensazioni”. Il tutto nonostante una vistosa fasciatura alla coscia sinistra: “Un piccolo problema muscolare, ma è solo una precauzione”. E adesso per Bandecchi una sensazione di déjà-vu, non così rara nel tennis: perché tra lei e la sua prima semifinale in carriera a questo livello c’è (di nuovo) Ankita Raina, la 31enne indiana che Susan aveva già superato nelle qualificazioni col punteggio di 6-4 6-0. Poi il ripescaggio, il rientro in tabellone e l’occasione sfruttata al meglio anche oggi contro la rumena Irina Bara in un match dal punteggio altalenante, chiuso per 6-2 2-6 6-0. “L’erba è la mia superficie preferita – ha detto Raina, ora fuori dalla Top 200 ma con un passato da n.93 (2021) -, mi dà ottime sensazioni e mi ci so adattare bene”.


Sarà dunque un quarto di finale dai molteplici spunti, ma tempo al tempo. Perché se ne riparla venerdì, mentre giovedì il programma vede in campo due italiane a caccia dei quarti di finale. La grande veterana, Sara Errani, testa di serie n.4 del tabellone, e Giorgia Pedone, la nuova leva in rampa di lancio. Ad attendere la 19enne siciliana (alle 14.00) c’è Alexandra Eala, filippina di base alla Rafa Nadal Tennis Academy: “Sarà un match molto complicato, perché Eala ha grande fisico e mentalità vincente, oltre a essere mancina, il che sull’erba è sempre un’insidia in più”, sintetizza la capitana della Nazionale italiana Tathiana Garbin, che sta seguendo la giovane azzurra da vicino qui a Gaiba. Non prima delle 16.00, sul Campo Centrale, tocca invece a Sara Errani, la 37enne romagnola che punta (almeno) a eguagliare la finale raggiunta nel 2022. Per riuscirci dovrà neutralizzare la 24enne ucraina Katarina Zavatska, tennista aggressiva e tignosa che può creare più di un grattacapo.


Chi è già certo di un posto nei quarti è Bernarda Pera, 29enne statunitense di origini croate brava a vincere il braccio di ferro con la bielorussa Aliona Falei in un match in cui le due si sono prese a ‘schiaffi’ per due set, cercando potenza più che precisione e variazioni. Uno stile, accettato da entrambe, che è finito col regalare al pubblico presente sul Campo Centrale colpi vincenti altamente spettacolari ed errori altamente evidenti. “Non mi esprimo solitamente al meglio sull’erba – ha detto Pera nel post match – ma sto servendo bene e mi sto abituando sempre più agli adattamenti necessari per cui sono molto fiduciosa”.

Nei quarti di finale affronterà la russa Kamilla Rakhimova, che dopo aver vinto il primo set al tie-break ha sfruttato il ritiro della sfortunata belga Alison Van Uytvanck, una delle più attese dopo la vittoria ottenuta nel 2022 e fermata questa volta da un’indisposizione (aveva appena recuperato da un lungo infortunio alla zona dorsale). Il menù dei prossimi giorni si presenta ricchissimo, e da ora in poi ogni palla fa la differenza: ci si gioca l’ingresso nelle fasi clou della terza edizione del Veneto Open promoted by Regione del Veneto.


LIVE SCORE

ORDINE DI GIOCO

TABELLONI


IL VENETO OPEN DAL VIVO – Oltre che direttamente all’ingresso del club nelle giornate di gara, i tagliandi per assistere agli incontri del Campo Centrale del Veneto Open promoted by Regione del Veneto sono disponibili sulla biglietteria online Clappit, all’indirizzo: https://venetopen.com/ticket/.

IL VENETO OPEN IN TV – Gli incontri del Veneto Open promoted by Regione del Veneto saranno trasmessi in diretta su SuperTennis Tv (64 del digitale terrestre, 212 di Sky), oltre che in streaming sul sito Supertennis.tv e sulla piattaforma digitale SuperTenniX.

di SuperTennis   
I più recenti
Wimbledon, Musetti vince il punto del torneo - VIDEO
Wimbledon, Musetti vince il punto del torneo - VIDEO
Lorenzo Musetti e Novak Djokovic (montaggio da foto Ansa)
Lorenzo Musetti e Novak Djokovic (montaggio da foto Ansa)
Djokovic: Wimbledon resta il torneo dei sogni, voglio il trofeo
Djokovic: Wimbledon resta il torneo dei sogni, voglio il trofeo
Tennis, Musetti ko a Wimbledon. Sarà finale Djokovic-Alcaraz
Tennis, Musetti ko a Wimbledon. Sarà finale Djokovic-Alcaraz
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...