Djokovic tra discoteca ed eventi affollati: è stato a contatto con un positivo

Le immagini di Djokovic insieme a Dominic Thiem, Alexander Zverev e Grigor Dimitrov hanno conquistato i social. Positivo il cestista Nikola Jankovic

di Tiscali News

Hanno fatto scalpore sui social le immagini di Novak Djokovic, insieme ai colleghi Dominic Thiem, Alexander Zverev e Grigor Dimitrov, scatenati sulla pista da ballo del “Lafayette Cuisine Cabaret Club” della capitale serba. Su Twitter si vedono i tennisti ballare, anche senza camicia, in mezzo alla gente, cosa del resto permessa in Serbia dove non ci sono particolari restrizioni relative al distanziamento. Vengono anche riportati dei commenti fatti nei giorni scorsi da Djokovic sul coronavirus ed eventuali misure da prendere. "Potete anche criticarci - aveva detto a proposito della presenza del pubblico sugli spalti - e dire che ciò è pericoloso, ma non spetta certo a me determinare cosa sia giusto o sbagliato per la salute. Stiamo facendo ciò che ci dice il governo serbo".

Come se non bastasse è arrivata la notizia della positività al coronavirus di Nikola Jankovic, il cestista serbo del KK Partizan. Come purtroppo succede nei casi asintomatici, la diagnosi di positività è arrivata tardi e sta costringendo all’isolamento sociale le tante persone che sono entrate in contatto con il centro del Partizan. Tra queste spiccano diverse illustri personalità del mondo dello sport serbo: giovedì scorso, Jankovic ha infatti presenziato all’evento esibizione organizzato a Belgrado in onore dello storico coach Dejan Milojevic: un evento al quale hanno partecipato, tra gli altri, proprio Djokovic e il centro dei Nuggets Nikola Jokic, apparso in molte foto in prossimità dello stesso Jankovic.

E anche Nole sembrerebbe essere entrato in contatto con Jankovic, il che potrebbe avere grosse ripercussioni sul mondo del tennis: pochi giorni dopo l'esibizione per Milojevic, infatti, Djokovic ha preso parte all'Adria Tour. Per il momento la seconda tappa dell’Adria Tour rimane confermata a Zadar, in Croazia, il prossimo fine settimana. Goran Ivanisevic, direttore del torneo e componente del team Djokovic, ha partecipato alla festa di domenica sera a Belgrado ed è convinto che si giocherà tranquillamente. Intanto si sta cercando in Slovenia, a Portorose, un’alternativa per la terza tappa prevista in Montenegro il 27-28 giugno, ma cancellata dopo che le autorità montenegrine hanno confermato che non sarà permesso l’ingresso nel Paese ai serbi.