Tiscali.it
SEGUICI

Dubai, Insulti al giudice di linea: Rublev squalificato!

di SuperTennis   
Dubai, Insulti al giudice di linea: Rublev squalificato!

 Si è chiusa con un finale incandescente la prima semifinale del “Duty Free Tennis Championships”, l'ATP 500 sul duro (Decoturf II) con un montepremi di 2.941.785 dollari, giocata tra Andrey Rublev e Alexander Bublik. Il russo, testa di serie n.2 del tabellone, è stato infatti squalificato dopo aver insultato pesantemente e da distanza ravvicinata un giudice di linea reo di una chiamata assai dubbia nel corso del decimo game del terzo set quando il punteggio 67(4) 76(5) 65. 

Video

 

Rublev, che si era portato subito in vantaggio di un break nel terzo parziale dopo esser arrivato a due punti dalla vittoria nel corso del tie break del secondo set (5-3), era stato poi ripreso dal kazako, abile a sfruttare l'unica palla break lui capitata nel parziale riportandosi così sul quattro pari. Da lì in poi, gli ultimi game sono stati un crescendo di emozioni, con l'arrivo delle palle nuove a dar nuovo slancio ai turni di battuta del kazako i cui colpi in più di un'occasione sono atterrati a ridosso delle righe. In una di queste occasioni, Rublev ha perso la testa affrontando a distanza ravvicinata un giudice di linea e rivolgendo lui degli insulti in russo uditi anche da altri giudici di gara lì vicini.

 

Un rapido consulto, ed ecco il giudice di sedia far ricorso al supervisor che, regolamento alla mano, non ha potuto far altro che squalificare il russo dopo. Tra l'incredulità del pubblico e quella dello stesso Bublik, dettosi disposto a proseguire. Rublev, che a Dubai difendeva la finale raggiunta l'anno scorso, pedrderà tutti i punti che aveva conquistato nel torneo scivolando così fuori dalla top5, classifica nella quale figurava ininterrottamente dal 16 ottobre 2023.

 

E ad attendere in finale Bublik, a sorpresa ci sarà il francese Ugo Humbert, vincitore in due set dell'altra semifinale giocata contro Daniil Medvedev col punteggio di 75 63. Più preciso Humbert (ben 30 vincenti), meno falloso e più freddo quando chiamato ad annullare ben sette delle otto palle break che a fatica il russo era riuscito a costruirsi. 


Per il francese, che a giugno compirà 26 anni e che attualmente ricopra la diciottesima posizione nel ranking, quella di Dubai sarà la sesta finale in carriera sul circuito Atp. Nelle altre cinque da lui disputate - Auckland, Anversa, Halle, Metz e Marsiglia - è uscito sempre vincitore. Il successo contro Medvedev ha già consentito lui, seppur virtualmente, di guadagnare altre tre posizioni in classifica issandolo fino al n.15, suo miglior ranking in carriera. Di contro Medvedev, vincitore a Dubai l'anno scorso, vedrà il suo bottino decurtato di 300 punti che renderanno ancor più profondo il gap che attualmente lo separa da Jannik Sinner. 

Find bound in his Dubai debut ??@HumbertUgo knocks out the defending champ 7-5 6-3.@DDFTennis | #DDFTennis pic.twitter.com/aNlS8GMHvy

— ATP Tour (@atptour) March 1, 2024



LIVESCORE

ORDINE DI GIOCO

TABELLONE SINGOLARE

TABELLONE DOPPIO

QUALIFICAZIONI

di SuperTennis   

I più recenti

Madrid, Nadal: Se non vado a Parigi non è la fine del mondo
Madrid, Nadal: Se non vado a Parigi non è la fine del mondo
Tennis: Torneo Madrid. Trevisan fuori all'esordio
Tennis: Torneo Madrid. Trevisan fuori all'esordio
Rybakina, la numero 1 dei primi 4 mesi dell’anno raccontata dal coach Vukov
Rybakina, la numero 1 dei primi 4 mesi dell’anno raccontata dal coach Vukov
Madrid, Alcaraz: Buone sensazioni, ma non so se sarò al 100%
Madrid, Alcaraz: Buone sensazioni, ma non so se sarò al 100%

Le Rubriche

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...