Tiscali.it
SEGUICI

Madrid: il più giovane Masters 1000 d'Europa

di SuperTennis   
Madrid: il più giovane Masters 1000 d'Europa

Madrid è il torneo Masters 1000 europeo più giovane essendo entrato a far parte della crema del tennis mondiale soltanto a partire dal 2002. Sebbene la capitale spagnola abbia avuto regolarmente un torneo inserito nel circuito Grand Prix dal 1971 al 1994 (giocato talvolta a primavera e talvolta in autunno), la storia di questo torneo è legata a una geniale intuizione di Ion Tiriac.
Dal 1990 al 1994 il primo Masters 1000 autunnale è Stoccolma che però decide di vendere il suo status ad Anversa, nato nel 1982 come torneo-esibizione dei diamanti - chi vinceva tre edizioni in cinque anni riceveva una racchetta d'oro tempestata di diamanti - ma diventato ufficialmente Atp solo nel 1992.
I dirigenti di Anversa però non riescono a completare il pagamento in favore degli scandinavi. A questo punto entra in gioco Ion Tiriac che garantisce i soldi necessari pretendendo in cambio lo status di Masters 1000 per il suo torneo di Stoccarda. L'accordo va in porto e nell'attesa della costruzione del nuovo stadio, Tiriac organizza il torneo del 1995 a Essen per poi ritornare a Stoccarda a partire dal 1996.
Nel 2001 Boris Becker e Steffi Graf sono lontani ricordi di gloria e la Germania non è più il centro tennistico del mondo. Tiriac, siamo sempre nel 2001, fatica a trovare sponsor e per questo chiede all'Atp di spostarsi da Stoccarda a Madrid. L'Atp accetta e Madrid diventa il primo Masters 1000 autunnale. Nel 2008, nel cuore dell'Era Nadal, Tiriac è artefice di un'altra mossa. L'Atp fa fuori il 1000 di Amburgo, Tiriac sposta data a Madrid che passa da ottobre a maggio su terra battuta. E la data di Madrid, come primo Masters 1000 autunnale, finisce nelle mani dei ricchi investitori cinesi di Shanghai.


L'albo d'oro di Madrid dunque prende vita nel 2002, ma il torneo non ha la finale. Jiri Novak si infortuna all'inguine e non può scendere in campo contro Andre Agassi. La prima finale è vinta dall'idolo locale Juan Carlos Ferrero su Nicolas Massu, poi nel 2005 Rafael Nadal supera al tie-break del quinto set Ivan Ljubicic conquistando il primo e unico titolo indoor della carriera. Nel 2006 a iscrivere il proprio nome tra i vincitori è Roger Federer che batte in finale Fernando Gonzalez, nel 2007 invece a salire alla ribalta è David Nalbandian, capace di battere dagli ottavi in avanti Del Potro, Nadal, Federer e Djokovic. L'ultima edizione indoor premia Andy Murray su Gilles Simon, la prima sulla terra - siamo nel 2009 - incorona Federer vittorioso su Nadal.
Nel 2012 Tiriac cambia superficie al torneo sperimentando una terra battuta artificiale di colore blu. Nadal e Djokovic, per protesta contro il pericolo infortuni (la superficie è molto scivolosa), disertano il torneo, Federer invece lo gioca e vince alla grande recuperando in finale lo scatenato Berdych. Si torna al rosso e Nadal porta il totale dei successi a 5 (2005, 2010, 2013, 2014 e 2017). Nel 2021 Berrettini è il primo italiano a raggiungere la finale che gioca alla grande perdendo di misura dal tedesco Alexander Zverev. Le ultime due edizioni invece vanno a Carlos Alcaraz, campione nel 2022 su Alexander Zverev e nel 2023 sull'outsider Jan Lennard Struff.

di SuperTennis   
I più recenti
Halle: Sinner, Berrettini e Bolelli/Vavassori in campo giovedi
Halle: Sinner, Berrettini e Bolelli/Vavassori in campo giovedi
Halle: un grande Sonego non basta a piegare Zverev
Halle: un grande Sonego non basta a piegare Zverev
Bandecchi ci ha preso gusto: è nei quarti a Gaiba
Bandecchi ci ha preso gusto: è nei quarti a Gaiba
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...