Tiscali.it
SEGUICI

Nadal: "Viaggio bellissimo, ma non so se è la mia ultima volta al Roland Garros"

di SuperTennis   
Nadal: 'Viaggio bellissimo, ma non so se è la mia ultima volta al Roland Garros'

Non pronuncia la parola addio. Saluta il pubblico del Roland Garros con la segreta speranza che non sia l'ultima. Rafa Nadal commuove i tifosi dopo la sconfitta al primo turno del Roland Garros contro Alexander Zverev. Si emoziona anche il tedesco, che due anni fa contro Nadal aveva concluso la semifinale uscendo dal campo in sedia a rotelle dopo una caduta che gli aveva provocato la rottura di diversi tendini della caviglia.  "Grazie Rafa a nome di tutto il mondo del tennis. Ho guardato Nadal quando ero piccolo, è un grande onore averlo affrontato due volte qui. Oggi non è il mio momento, perciò non parlerò molto" ha detto Zverev a caldo.

ZVEREV-NADAL, IL FILM DELLA PARTITA

ZVEREV NADAL, LA CRONACA

Il tedesco lascia spazio a Rafa, accolto da una commovente ovazione. "Grazie a tutti voi, siete incredibili. E' difficile parlare per me, non so se questa è l'ultima volta che mi trovo davanti a tutti voi. Se fosse l'ultima, me la sono goduta. Le sensazioni che ho provato oggi sono difficili da esprimere a parole, qui è speciale sentire l'affetto del pubblico dove mi sono sentito amato di più" ha detto.

"Devo fare i complimenti a Sascha per la vittoria a Roma e la grande partita che ha giocato. In bocca al lupo per il resto della stagione. L'infortunio del 2022 è stato un momento molto duro per te, meriti il meglio - ha detto -. Io ho passato due anni molto difficili, ho affrontato tutto per essere qui di nuovo. Il primo turno non è stato ideale. Sono stato competitivo, ho avuto le mie chances ma non è bastato contro un grande giocatore come rafa. C'è una grande percentuale che questa sia la mia ultima partita al Roland Garros, ma non dirò che è sicuro al 100% perché il mio corpo sta meglio di due mesi fa. Forse fra due mesi dirò che non ce la faccio più, ma mi motiva pensare di poter tornare su questo campo per l'Olimpiade. La quantità di emozioni che ho provato su questo campo è incredibile, non ho mai pensato che sarei stato qui a 28 anni, anzi 38, mi piacerebbe fossero 28, ancora qui. E' stato un viaggio bellissimo, ogni anno è stato diverso ma sono stati tutti speciali. Sono venuto qui con il sostegno della mia famiglia, del mio team, dei miei amici, tutte persone che mi hanno aiutato in tanti momenti difficili della mia vita e non li ringrazierò mai abbastanza. Grazie a tutti voi tifosi, spero con tutto il cuore di rivedervi ancora".

 

LIVE SCORE

ORDINE DI GIOCO

SINGOLARE MASCHILE

SINGOLARE FEMMINILE

DOPPIO MASCHILE

DOPPIO FEMMINILE

QUALIFICAZIONI MASCHILI

QUALIFICAZIONI FEMMINILI

di SuperTennis   
I più recenti
Samsonova ferma Andreescu: quinto titolo WTA
Samsonova ferma Andreescu: quinto titolo WTA
Primo giorno da big: così il Veneto Open dà subito spettacolo
Primo giorno da big: così il Veneto Open dà subito spettacolo
Sinner: Ho molto da imparare, anche se sono numero 1
Sinner: Ho molto da imparare, anche se sono numero 1
Tennis, Berrettini: Questa sconfitta farà male per un po'
Tennis, Berrettini: Questa sconfitta farà male per un po'
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...