Tiscali.it
SEGUICI

Professionalità e concentrazione: attento Musetti, Paul il bello adesso fa sul serio

di SuperTennis   
Professionalità e concentrazione: attento Musetti,  Paul il bello adesso fa sul serio

Non sottovalutate Tommy Paul. Non è quello che sembra. Guardatelo bene quando gioca, come gioca, come costruisce i punti e come li sa concludere tutti. Non distraetevi fissando la sua accompagnatrice, Paige Lorenze, il ragazzo americano s’è sempre accompagnato bene, ma da un pezzo ha messo la testa a posto ed è monogamo. Brad Stine, il coach che ha guidato Jim Courier nella metamorfosi da brutto anatroccolo a numero 1 del mondo, con 4 titoli in tutte le finali Slam, è il suo primo tifoso. Durante il torneo di Roma ci abbiamo parlato a lungo, e abbiamo scoperto parecchie cose.

Cominciamo dalla tecnica: “Tommy è in evoluzione continua, l’alleno dal 2019, quand’era abbastanza disordinato dentro come fuori del campo, ed è già salito a 5.0. All’inizio ci siamo dedicato al miglioramento del dritto fino a farlo diventare dominante e quindi a trasformare il suo gioco in modo aggressivo, d’attacco, non di contrattacco. Perché nel tennis moderno non puoi fondarti sul rovescio, che è il colpo dominante di Tommy, e devi sempre più essere bravo nella transizione a rete”.

Il primo limite era fisico: “Ha dovuto lavorare tanto sotto quel profilo”. Anzi: “Il primo tassello è stato quello della concentrazione. Sin da ragazzo è stato quello il suo principale problema: in campo si distraeva o almeno il suo focus non era così continuo”. Altro problema: “Aveva, giustamente, grandi obiettivi nella testa, ma non vedeva quelli quotidiani, allenamento dietro allenamento, piccolo progresso dietro progresso che avrebbero potuto portarlo davvero in alto. L’ho dovuto allenare soprattuto a questa mentalità da professionista, all’attitudine giusta, al ricominciare il giorno dopo allo stesso modo”. 

Leggi anche - L'intervista a Brad Stine (Martucci)


ALTI E BASSI

Stine è un gran motivatore. A gennaio, quando Paul ha perso contro Jack Draper ad Adelaide ed era molto frustrato perché non riusciva proprio a venire a capo di certe situazioni, ha convinto il pupillo che il problema era soprattutto mentale: “Siamo stati fortunati perché subito dopo qualche giorno di lavoro molto intenso, a Melbourne, ha battuto proprio Draper, e comunque, anche se ha perso in 5 con Kecmanovic, è entrato nel loop giusto del coinvolgimento, dell’approfondimento di tutti gli aspetti di un atleta professionista, e poi ha fatto un altro importante passo avanti, ha vinto Dallas, ha fatto finale a Delray Beach, semifinale a Indian Wells, e semifinale a Roma”.

Gli alti e bassi rimangono parte  del percorso, ma anche le reazioni. Così, dopo il ko con Seb Korda nei quarti di ’s-Hertogenbosch della settimana scorsa, sabato l’ha rimontato dall’1-4 iniziale, presentandosi alla finale di oggi al Queen’s contro Lorenzo Musetti. Come lo vuole il suo coach: “Sempre più consolidato come giocatore completo che può fare tutto, a tutto campo, ma dev’essere sempre molto aggressivo. E quindi molto concentrato, che è la chiave fondamentale nella vita e nello sport”.


IL LIMITE DI PAUL

Il problema vero di Paul è forse nel fisico: pesa 82 chili ed è alto 1.85, ma non si vede. Sembra più piccolo e più leggero. Sembra un welter di pugilato, cui manca la potenza vera per concludere il match con un colpo solo, ma è anche così agile e leggero, così versatile e reattivo che può esprimersi al meglio su tutte le superfici.

Spiega sempre Stine: “Ognuno degli atleti con cui ho lavorato ha la sua personalità e devi adattarti a lui ed adattare lui al gioco che deve sviluppare per esprimersi al meglio. Tommy è particolare. Ma ora che è disciplinato e professionale, a 27 anni, nel pieno della sua maturità, può centrare gli obiettivi massimi che ancora non ha raggiunto. Intanto entrare fra i top 10, e fare passi avanti negli Slam, dopo la semifinale degli Australian Open 2023, mantenendo le promesse da junior: il titolo al Roland Garros e la finale agli US Open, sempre contro il suo amico Taylor Fritz. Lo so, lo vedo da come segue continuamente il tennis, anche in hotel, è sempre a guardare video, ad analizzare cose del suo gioco che non funzionano come vorrebbe e come vorremmo. L’esperienza è il miglior maestro”. O

ggi, sull’erba del Queen’s, Paul punta molto sui primi due colpi del game, servizio-risposta. Il braccio di ferro della concentrazione fra due talenti discontinui, sensibili, e belli da vedere come Tommy e Lorenzo il Magnifico comincia lì. Chi terrà più duro, di testa? Chi si sacrificherà maggiormente per prendere il comando delle operazioni?


LIVE SCORE

ORDINE DI GIOCO

TABELLONE SINGOLARE

TABELLONE DOPPIO

QUALIFICAZIONI

di SuperTennis   
I più recenti
Wimbledon, Musetti vince il punto del torneo - VIDEO
Wimbledon, Musetti vince il punto del torneo - VIDEO
Lorenzo Musetti e Novak Djokovic (montaggio da foto Ansa)
Lorenzo Musetti e Novak Djokovic (montaggio da foto Ansa)
Djokovic: Wimbledon resta il torneo dei sogni, voglio il trofeo
Djokovic: Wimbledon resta il torneo dei sogni, voglio il trofeo
Tennis, Musetti ko a Wimbledon. Sarà finale Djokovic-Alcaraz
Tennis, Musetti ko a Wimbledon. Sarà finale Djokovic-Alcaraz
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...