Tiscali.it
SEGUICI

Sinner show, annichilito Medvedev: l'azzurro in finale a Miami

Il tennista altoatesino, numero 3 del ranking mondiale e 2 del tabellone, ha dominato in semifinale il campione uscente russo Daniil Medvedev

di A cura di Supertennis.tv   
Foto Ansa
Foto Ansa

Ok, per le prime quattro partite aveva mandato in campo il sostituto. Che aveva svolto il compitino, vincendo ma senza sconvolgere. Poi, al momento di fare sul serio, ecco la versione vera, quasi troppo bella per non pensare che ci sia stato anche l’aiuto dell’avversario. Sta di fatto che con una partita semplicemente perfetta Jannik Sinner ha centrato la sua terza finale al “Miami Open”, secondo ATP Masters 1000 stagionale (combined con il quarto WTA 1000 del 2024) dotato di un montepremi di 8.995.555 che si sta avviando alla conclusione sui campi in cemento dell’impianto dell’Hard Rock Stadium (la “casa” dei Miami Dolphins di football NFL), in Florida. Per l’azzurro si tratta della quarta finale da “1000” in carriera: ha perso quelle giocate proprio a Miami nel 2021, battuto dal polacco Hurkacz, e nel 2023, stoppato da Medvedev, mentre ha vinto quella di Toronto 2023, superando De Minaur.

Il 22enne di Sesto Pusteria, n.3 Atp e secondo favorito del seeding, reduce dalla semifinale ad Indian Wells (dove ha perso contro Alcaraz, poi vincitore del titolo, il primo match di questo 2024 dopo 16 vittorie di fila), in semifinale ha liquidato per 61 62, in appena un’ora e nove minuti di partita, il russo Daniil Medvedev, n.4 del ranking e 3 del seeding, infilando il 21esimo successo stagionale su 22 partite disputate.

Per Jannik sarà la 16esima finale in carriera, la quarta in stagione: 12 i trofei nella bacheca dall’altoatesino, due - Australian Open e Rotterdam - conquistati proprio in questa prima parte di 2024. Domenica Sinner si giocherà il titolo con il vincente della sfida tra il tedesco Alexander Zverev, n.5 del ranking e 4 del seeding, ed il bulgaro Grigor Dimitrov, n.12 ATP ed 11esima testa di serie: il 26enne di Amburgo è in vantaggio per 7-1 nel computo dei precedenti con il 33enne di Haskovo, ed ha vinto tutti gli ultimi sette (il più recente in semifinale a Chengdou, a settembre dello scorso anno).

Un match a senso unico

Il remake della finale di dodici mesi fa, vinta dal russo, ma anche quello dell’ultimo atto dell’Australian Open di gennaio, firmato dall’azzurro. Il 28enne moscovita è in vantaggio per 6-4 nel bilancio complessivo dei confronti diretti ma Jannik si è imposto proprio negli ultimi quattro. Medvedev già in difficoltà nel secondo gioco del primo set: il russo annulla una prima palla-break con un ace ed una seconda ancora grazie al servizio ma sulla terza il cross stretto di diritto di Sinner non perdona (2-0). Medvedev non sfrutta due chance di contro-break immediato e due nastri piuttosto tricolore portano l’azzurro sul 3-0. Il russo deve fare gli straordinari per cancellare la prima palla del doppio break: Daniil ne cancella altre due ma la quarta è fatale (4-0). L’azzurro non molla un “quindici” (5-0), anzi prova schemi e colpi che potrebbero venir buoni in altre occasioni. Il russo frena l’emorragia (5-1) ma Jannik incamera il 6-1 tenendo per la prima volta la battuta a zero.

Il mood negativo del russo prosegue anche in avvio di seconda frazione e non contribuiscono a migliorare l’umore di Medvedev, peraltro inviperito con il suo box, un paio di risposte fulminanti dell’azzurro che si traducono in un altro break (1-0). Daniil invece continua a rispondere piuttosto male e Sinner conferma il vantaggio (2-0). Il russo muove il punteggio (2-1) e nel quarto game si procura una chance per il contro-break ma l’altoatesino si salva e poi allunga (3-1). Con un lungolinea da paura Sinner si procura l’opportunità del doppio break che un Medvedev in stato confusionale gli serve su un piatto d’oro (4-1). L’azzurro vola sul 5-1, il russo - che va davvero tanto di fretta - prova a rendere il passivo un tantino meno pesante (5-2). Ma solo un po’ visto che Jannik recupera da 0-30 e chiude 6-2.

di A cura di Supertennis.tv   

I più recenti

Portabandiera Parigi 2024, Tamberi: spero di essere all'altezza
Portabandiera Parigi 2024, Tamberi: spero di essere all'altezza
Errigo: Io portabandiera? Emozione unica
Errigo: Io portabandiera? Emozione unica
Parigi2024: Errigo portabandiera Il cuore mi scoppia di gioia
Parigi2024: Errigo portabandiera Il cuore mi scoppia di gioia
Parigi2024: Tamberi portabandiera Orgoglio, sto vivendo un sogno
Parigi2024: Tamberi portabandiera Orgoglio, sto vivendo un sogno

Le Rubriche

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...