Tennis, Berrettini: "Completare stagione? Vorrei ma la vedo dura

di Ansa

"Penso a quanti giocatori partecipano a un torneo, ad esempio a Roma con 400 persone, giocatori e team. Concentrare tutte quelle persone e' complicato. Mi trovo d'accordo con Nadal, spero si trovi una soluzione. E' molto complicato organizzare un evento. Il tennis ha la distanza di sicurezza ma si condividono spazi, palestre, fisioterapisti. E' qualcosa di parecchio complicato e non so in questo momento se sia la cosa migliore da fare. Ora ci dovrebbero essere due Slam, si parlava di Madrid e Roma. Ci sono ancora tornei importanti da giocare, ho dei dubbi che questo possa succedere perche' cosa fondamentale ora e' fermare questo virus e cercare di ripartire con il tennis normale. Non credo valga la pena fare ripartire i tornei. Io sono per giocare, ma la scienza ci deve dire se fermarci del tutto e non rischiare oppure continuare a giocare in sicurezza". Lo ha detto il tennista numero 8 al mondo Matteo Berrettini, attualmente in Florida, sulle ipotesi di ripartenza del circuito Atp.