Tsitsipas, urla nel silenzio

Tsitsipas, urla nel silenzio

Stefanos Tsitsipas rialza la testa dopo la sconfitta d’esordio contro Dominic Thiem nel round robin alle Nitto ATP Finals (5.700.000 dollari di montepremi), ospitate per il dodicesimo anno di fila dalla “O2 Arena” di Londra prima di passare il testimone a Torino, prossima sede per almeno cinque anni.
Nella seconda sfida di giornata del “Group London 2020” di un’edizione del cinquantenario, sottolineata dai nomi assegnati ai due gruppi, giocata senza pubblico a causa della pandemia, il 22enne greco, numero 6 del ranking mondiale, ha superato per 61 46 76(6), in un’ora e 55 minuti di partita, il russo Andrey Rublev, numero 8 ATP, esordiente nell’appuntamento di fine stagione.

Il 23enne di Mosca nel tie-break decisivo ha mancato un match point – sul 6 a 5 in suo favore ha commesso doppio fallo – e con la seconda sconfitta in altrettanti incontri (domenica aveva ceduto a Rafael Nadal) è sicuramente eliminato, mentre l’ateniese, laureatosi “Maestro” dodici mesi fa, sarà protagonista di uno spareggio giovedì proprio con il mancino spagnolo per la qualificazione alle semifinali.